Black Friday, spread tocca i 280 punti poi scende. La Borsa di Milano perde il 3,7%

Black Friday, spread tocca quota 280 poi scende. Milano perde il 3,7%

Un altro black-friday. Per l’Italia e non soltanto. Non si parla di shopping. Venerdì 28 settembre lo spread tra Btp e Bund tedeschi è arrivato a toccare quota 280 punti base – per poi chiudere a 267 - il giorno dopo l’approvazione della legge di bilancio in Consiglio dei ministri che prevede un rapporto tra deficit/Pil al 2,4% nel prossimo triennio. Scelta che ha spinto il commissario agli Affari economici, Pierre Moscovici, a dichiarare di “non avere alcun interesse ad aprire una crisi con l’Italia ma non abbiamo neanche interesse a che l'Italia non riduca il suo debito, che resta esplosivo".

Piazza Affari ha chiuso una giornata di passione in netto ribasso: arrivato a perdere ben oltre 4 punti percentuali, il Ftse Mib alla fine segna un passivo del 3,72% e nel complesso la Borsa milanese vede erodersi 25 miliardi di euro di capitalizzazione.

Il contraccolpo è stato scaricato sul settore bancario, il più esposto alla variazione dello spread e il più sensibile alle tensioni internazionali: la perdita di valore dei Btp comporta rischi per il patrimonio degli istituti, mentre l'aumento dei tassi fa rincarare il costo della raccolta.

Gli altri listini europei hanno sofferto il rimbalzo della caduta di Milano, seppur con variazioni meno marcate: Londra -0,47%, Francoforte -1,52% e Parigi -0,85%.

Il segnale inviato dai mercati suona un po' come un avvertimento per l'Italia, che resta per ora in una “zona grigia” piuttosto che “rossa”. Molto dipenderà dalla reazioni della Commissione europea quando, il 15 ottobre, riceverà dal governo italiano il testo della legge finanziaria.

Articoli correlati

quoted business

Bankitalia, debito record a 2.358 miliardi. Scende la quota di Btp in mano a stranieri

Torna a salire il debito pubblico italiano, che ha segnato livelli record nel corso dell'anno passato. Dopo il calo di dicembre, a gennaio il debito delle Amministrazioni pubbliche è aumentato di 41,3 miliardi rispetto al mese precedente, risultando pari a 2.358 miliardi, secondo i dati diffusi da Bankitalia. A spiegare l'incremento per la Banca Centrale ci sono per 44 miliardi l'aumento delle disponibilità liquide del Tesoro, solo in parte compensato dall'avanzo di cassa del mese (2,5 miliardi). [continua ]

Moneta & Mercati
Frase del giorno - Parole

Non commento dichiarazioni di questo o quel ministro, ma una cosa è chiara: l'indipendenza dei banchieri centrali va rispettata, è parte del funzionamento delle democrazie liberali.

Moneta & Mercati

L'economia si "raffredda". L’inflazione continua a scendere: 0,9% a gennaio

L'inflazione rallenta ancora: a gennaio l'indice si ferma allo 0,9%, dall'1,1% di dicembre. Lo rileva l'Istat. Il tasso risulta così in frenata per il secondo mese consecutivo, attestandosi sotto la soglia dell'1%. È il valore più basso dall'aprile del 2018. Sempre a gennaio rallenta anche la crescita dei prezzi per il “carrello della spesa” (che include i beni alimentari, per la cura della casa e della persona). L'indice scende allo 0,5%, dallo 0,7% registrato l'ultimo mese dello scorso anno. [continua ]

Moneta & Mercati

Le banche sono di nuovo sotto stress. La Bce invia una lettera sui crediti deteriorati

Le banche sono di nuovo sotto stress. Ma stavolta non è colpa di nuovi test. Bensì di una lettera inviata dalla Banca Centrale Europea. Secondo il Sole24Ore, nel mirino della Bce non c’è soltanto il Monte dei Paschi di Siena, che ha ricevuto la missiva da Francoforte il 5 dicembre scorso ma la notizia è stata rivelata dalla banca soltanto il 14 gennaio, giorno in cui ha bruciato sui mercati in un giorno circa 10 punti. [continua ]

Moneta & Mercati
Carige, salvataggio pubblico e nazionalizzazione. Se necessari

quoted business

Carige, salvataggio pubblico e possibile nazionalizzazione. Se necessario

Moneta & Mercati
La Bce “commissaria” Carige

La Bce “commissaria” Carige. Titolo sospeso in Borsa

Moneta & Mercati

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com