Il caso dei prelievi bancomat non autorizzati

La banca deve rimborsare le somme se non dimostra che sei stato tu

Il caso dei prelievi bancomat non autorizzati

di Mauro De Muro *

Con la Sentenza n. 2721/2020, depositata ieri 26 maggio, la Cassazione ha dato ragione al correntista che ha disconosciuto i prelievi e chiesto il rimborso.

I Giudici Ermellini hanno ribaltato l’onere della prova: non è il correntista che deve dimostrare di non aver ceduto ad altri la propria tessera e il Pin, ma è la Banca che deve fornire la prova che il prelievo non è opera di estranei e che è riconducibile al cliente.

Il correntista deve solo denunciare “senza indugio” i prelievi abusivi.
Quindi occhio, se vedete movimenti sospetti sul conto, fate subito la denuncia.

* Avv. Patrocinante in Cassazione

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com