Verso la creazione di una moneta unica per l’America Latina?

Per l’ex presidente brasiliano è giunto il momento di liberarsi dalla dipendenza dal dollaro

Verso la creazione di una moneta unica?
Luiz Inacio Lula da Silva

L’ex presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva, che è di nuovo in corsa per le elezioni presidenziali del prossimo 2 ottobre, ha auspicato l’introduzione di una moneta unica per l’America Latina. “Creeremo una valuta in modo da non avere questo problema di dipendere dal dollaro”, ha dichiarato, partecipando a una conferenza del Partito socialismo e libertà (Psol).

L’obiettivo dell'ex presidente della prima economia sudamericana è dunque porre fine alla ‘dipendenza’ dal dollaro statunitense attraverso una divisa che potrebbe chiamarsi sur ed essere emessa da una banca centrale sudamericana, con una capitalizzazione iniziale garantita dai paesi membri e finanziata mediante le riserve internazionali domestiche e/o con una tassa sulle esportazioni verso Stati al di fuori della macroregione, proporzionalmente alle rispettive quote nel commercio. La nuova valuta potrebbe essere utilizzata per gli scambi infraregionali e i flussi finanziari tra gli Stati latini che sarebbero liberi di adottare il sur a livello nazionale o mantenere le loro valute. I tassi di cambio tra valute nazionali e la nuova moneta sarebbero variabili.

Nel frattempo, sebbene la maggior parte dei paesi dell’America Latina abbia la propria moneta, alcuni Stati sono passati al dollaro Usa, come El Salvador ed Ecuador. Quest’ultimo ha abbandonato la vecchia valuta, il sucre, dopo la crisi economica del 1998, mentre il colón salvadoregno è stato gradualmente eliminato nel 2001. Al contempo, sebbene Venezuela, Argentina e Panama adottino ancora le proprie divise, il peso del dollaro sulle loro politiche monetarie è ancora rilevante.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

L’Amazzonia e i suoi fiumi volanti. Che rischiano di sparire (sia con Bolsonaro che con Lula)

Nonostante copra solo l’1% della superficie del pianeta, l’Amazzonia contiene quasi un terzo di tutte le foreste pluviali tropicali terrestri. E i suoi fiumi volanti influenzano i modelli climatici nell’intero pianeta. Il problema è che la distruzione dell’Amazzonia è regolata dal mercato, dall’offerta (più o meno legale) e dalla domanda. Fin tanto che la richiesta estera di legno e prodotti agricoli amazzonici sarà elevata, nessun presidente riuscirà probabilmente ad arrestare il processo. [continua ]

Planet
Il Cile preferisce la Costituzione di Pinochet

Il Cile preferisce la Costituzione di Pinochet

Strategie & Regole
L’Occidente, superato dalla Cina, ha perso il controllo dell’America Latina

L’Occidente, superato dalla Cina, ha perso il controllo dell’America Latina?

Global
Frase del giorno - Numeri

Nei primi 4 mesi del 2022 sono stati distrutti, nella foresta amazzonica, 2mila km quadrati di superficie. In aumento del 70% rispetto all’anno precedente.

Planet
Un’isola dei Caraibi diventa la prima comunità Bitcoin al mondo

Un’isola dei Caraibi diventa la prima comunità Bitcoin al mondo

Moneta & Mercati
il Cile è il primo Stato a emettere un sustainability-linked bond

Il Cile guarda avanti. È il primo Stato a emettere un sustainability-linked bond. E l’Italia cosa aspetta?

Finanza pubblica

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com