Agricoltura e finanza. Ecco come si formano i prezzi agricoli a livello globale

La finanza domina ogni ambito della produzione alimentare e con i suoi strumenti determina i prezzi agricoli

Ecco come si formano i prezzi agricoli a livello globale

Le proteste degli agricoltori in Europa hanno varie motivazioni, ma una è comune a quasi tutti i contesti. Si tratta dell’instabilità dei prezzi dei prodotti agricoli, il cui andamento è sempre più slegato dalle dinamiche produttive e dalle condizioni della domanda e dell’offerta reali, dipendendo invece da dinamiche finanziarie.

La determinazione dei prezzi agricoli avviene in primis nelle grandi Borse merci mondiali, in particolare in quelle di Chicago, di Parigi, di Londra e di Mumbai, che non sono istituzioni private i cui principali azionisti sono costituiti dai più grandi fondi finanziari globali.

Nel caso del Chicago Mercantile Exchange, i pacchetti più rilevanti sono in mano a VanguardBlackRockJP. MorganState Street Corporation e Capital International Investitors. Presenze in parte simili compaiono nella Borsa di Londra e in altre sedi minori.

A questo dato se ne aggiunge un altro. Soprattutto nelle Borse di Chicago, di Londra e di Parigi la stragrande maggioranza degli operatori non è costituita da produttori e compratori reali, ma da grandi fondi finanziari e da fondi specializzati nel settore agricolo che, senza aver alcun contratto di compravendita dei beni, scommettono sull’andamento dei prezzi. E sono proprio soprattutto le scommesse a determinare i prezzi reali

Dunque all’origine delle instabilità dei prezzi si pongono gli strumenti finanziari generati da questi fondi “scommettitori”, i quali sono anche, come appena ricordato, i “proprietari” delle Borse stesse. Non hanno nulla a che fare con la produzione e il commercio reali dei beni agricoli scambiati, ma sono i principali player di prezzo.

Tuttavia, la finanziarizzazione dei processi di determinazione dei prezzi di beni agricoli presenta altri elementi rilevanti. Come detto, nelle Borse, a fronte di tanti fondi finanziari, ci sono pochi produttori. Ma chi sono quest’ultimi? Nel caso dei cereali, si tratta di quattro grandi societàArcher-Daniels MidlandBungeCargill e Dreyfus. Le prime due in particolare sono possedute dai grandi fondi, Vanguard, Black Rock e State Street: i medesimi operatori finanziari nelle Borse merci di Parigi, Londra e Chicago.

L’intera dinamica della formazione dei prezzi agricoli, su cui incidono assai poco le retribuzioni del lavoro contadino, strutturalmente molto basse, risulta pertanto nelle mani di colossi finanziari che controllano Borse, scommesse e produzione: un gigantesco oligopolio mondiale rispetto al quale ogni altra variabile, persino quella dell’offerta complessiva di beni agricoli, appare decisamente secondaria.

Del resto, i fondi hanno in mano anche il complesso del settore alimentare. Tra le prime dieci società per fatturato troviamo Associated British Foods (di cui Berkshire possiede il 9,2 per cento, Vanguard l’8,5, BlackRock il 7 e State Street il 4), Kellogg’s, (che è nelle mani di Vanguard per il 9 per cento, di BlackRock per il 9 e di State Street per il 3,8),  Mondelez (di cui Vanguard detiene il 9,1 per cento, BlackRock il 7,3 e State Street il 4,4), Pepsico (che è posseduta da Vanguard per il 9,3 per cento, da Black Rock per il 7,8 e da State Street per il 4,2).

Il processo di concentrazione ha ancora ulteriori risvolti. I terreni agricoli degli Stati Uniti sono circa 900 milioni di acri; di questi una trentina sono nelle mani di una ristretta cerchia di grandi finanzieri che li hanno comprati non certo per interessi agricoli. Si tratta di John Malone, grande azionista dei media, di Ted Turner, di Jeff Bezos, di Bill Gates e di pochi altri. Hanno acquistato queste sterminate pianure perché il prezzo della terra, negli Stati Uniti, è cresciuto tra il 2021 e il 2022 del 34 per cento. Si tratta di un aumento trascinato dalla lievitazione dei prezzi dei cereali, a loro volta infiammati dalla speculazione dei titoli derivati sui cereali stessi. Così i grandi finanzieri, che hanno scommesso sui derivati, possono comprare e vedono crescere il valore dei terreni che acquistano.

La finanza sta monopolizzando la già monopolistica agricoltura americana consegnando ad un club di ultramiliardari la determinazione dei prezzi mondiali.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Hsbc, lascia a sorpresa il ceo: “Cerco più equilibrio fra vita e lavoro”

Hsbc, lascia a sorpresa il ceo: “Cerco più equilibrio fra vita e lavoro”

Moneta & Mercati
Ecco come le banche occidentali fanno ricco Putin e la Russia

Ecco come le banche occidentali fanno ricco Putin e la Russia

Moneta & Mercati
Le banche centrali in un’economia senza contante

Le banche centrali in un mondo senza contante: come reinventare la politica monetaria

Moneta & Mercati

La mossa di Powell che spiazza la Bce: “Se l’inflazione non scende, niente tagli del tasso di interesse”

I dati recenti mostrano una mancanza di ulteriori progressi sul fronte dell’inflazione negli Usa, secondo il presidente della Fed Jerome Powell. A questo punto la domanda è: il disallineamento tra la politica monetaria della prima economia al mondo e quella dell’Eurozona quali effetti macroeconomici produrrà? [continua ]

Moneta & Mercati
Wall Street vale 120 volte Piazza Affari

Wall Street vale 120 volte Piazza Affari

Moneta & Mercati

La finanza globale tra Dire Straits, Mickey Rourke e Michael Douglas

Il mondo galleggia sopra tanti soldi. Mai nella storia il livello di risorse finanziarie disponibili è stato così alto. Ma dove vanno tutti questi soldi? ‘Money for nothing’, come cantavano nel 1985 i Dire Straits, annunciando al mondo il fenomeno di tutti coloro che vogliono fare soldi col nulla e anticipando di un anno il Mickey Rourke agente di cambio in Nove settimane e mezzo (“faccio soldi coi soldi”) e di due l’avido Gordon Gekko impersonato da Michael Douglas in Wall Street. [continua ]

Moneta & Mercati

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com