Due anni: questo è il tempo a disposizione dei Governi per evitare una crisi finanziaria globale

I mercati azionari continuano a crescere, ma al momento nessuno sembra preoccuparsi. Attenzione, però, al 2020: potrebbe essere un brutto anno

Due anni: è il tempo che hanno i Governi per evitare una crisi finanziaria

C'è una certa aria di compiacimento in giro pensando al 2018. Le previsioni economiche globali sono ricoperte di zucchero e i mercati azionari continuano a salire, rischiando però di ammalarsi di diabete. E’ questo incremento che attira gli investitori.

D’altronde, dopo tassi di interesse ultra bassi per un decennio, l'indebitamento è diventato più economico. Non importa che la Federal Reserve abbia iniziato a rialzare i tassi già dal 2015 fino all’attuale livello dell’1,5 per cento. Le banche hanno ugualmente continuato a offrire tassi sempre più bassi per assicurarsi nuovi clienti.

Le riduzioni fiscali di Trump rappresentano un ulteriore stimolo verso un maggiore indebitamento. L'indice Dow Jones, il principale mercato mobiliare negli Stati Uniti, si sta intanto dirigendo verso nuovi livelli massimi. In soli cinque anni e mezzo è raddoppiato in valore. Nel frattempo il livello globale del debito è salito al 324 per cento del Pil mondiale.

Questi aspetti ritardano una recessione che potrebbe essere dietro l'angolo dopo nove o 10 anni di aumento dei prestiti. E questo significa che la recessione, quando arriverà, sarà più profonda e più dannosa.

Ciò fornisce ai governi da due a tre anni per evitare una crisi in larga scala, anche se al momento nessuno sembra preoccuparsi. Attenzione, tuttavia, al 2020: potrebbe essere un anno decisamente brutto.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

La finanza globale tra Dire Straits, Mickey Rourke e Michael Douglas

Il mondo galleggia sopra tanti soldi. Mai nella storia il livello di risorse finanziarie disponibili è stato così alto. Ma dove vanno tutti questi soldi? ‘Money for nothing’, come cantavano nel 1985 i Dire Straits, annunciando al mondo il fenomeno di tutti coloro che vogliono fare soldi col nulla e anticipando di un anno il Mickey Rourke agente di cambio in Nove settimane e mezzo (“faccio soldi coi soldi”) e di due l’avido Gordon Gekko impersonato da Michael Douglas in Wall Street. [continua ]

Moneta & Mercati
Finanza e ‘greenwhasing’: il 70% dei fondi Esg è incoerente sul clima

Finanza e ‘greenwhasing’: il 70% dei fondi Esg è incoerente sul clima

Moneta & Mercati

La deglobalizzazione della Cina comincia dalla finanza: stretta sulle quotazioni all’estero

La Cina ha annunciato che inasprirà le regole per le società che cercano di quotarsi all’estero e cambierà il processo di approvazione per le Ipo. E aumenta il nervosismo di Pechino con gli Stati Uniti all’indomani del duro discorso di Xi Jinping nei confronti dell’Occidente (“mai più bullismo ai danni della Cina”). [continua ]

Moneta & Mercati
Lo sfruttamento economico e industriale che manda in crisi gli oceani

‘The blue acceleration’. Lo sfruttamento economico che manda in crisi gli oceani

Planet

La doppia crisi dell’economia mondiale: 143 paesi avranno una battuta d’arresto. Gli Usa rischiano di perdere il dominio globale

L’Fmi, che teme il passaggio da un sistema globale unipolare (dominato dagli Usa) a uno bipolare (con l’entrata della Cina sulla scena), annuncia il taglio delle previsioni di crescita mondiale e la direttrice del Fondo pungola le banche centrali: “Devono agire”. A Francoforte, che ospita la sede della Bce, saranno fischiate le orecchie a qualcuno. [continua ]

Economia
Frase del giorno - Numeri

I debiti globali superano i 300 trilioni di dollari. L’incidenza sul Pil scende, ma è al 351%. Ora l’epicentro della crisi è l’Europa. E il debito/Pil risale.

Economia

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com