Deutsche-Commerz, no alla fusione

Deutsche-Commerz, no alla fusione

Doveva essere il matrimonio dell'anno, invece è fallito. Anzi, non si è proprio celebrato. I colloqui per la fusione tra Deutsche Bank e Commerzbank sono stati interrotti. Alla vigilia delle assemblee di bilancio, le prime due banche tedesche hanno preferito rendere noto in anticipo che l'operazione si è arenata.

I due ad, Christian Sewing (Deutsche) e Martin Zielke (Commerz), hanno concordato una dichiarazione comune: "Ha avuto senso esaminare questa opzione di un consolidamento tedesco. Ma per noi era chiaro, sin dall'inizio, che l'operazione avrebbe dovuto migliorare e rendere più stabile il guadagno per i nostri azionisti e ottimizzare i servizi per la nostra clientela". Ovvero, la fusione avrebbe creato ulteriori rischi (le due banche sono entrambe in difficoltà) e costi, che non sarebbero stati compensati dai potenziali benefici.

La fusione era stata annunciata dal ministro delle Finanze Olaf Scholz – il governo tedesco detiene una quota del 15% in Commerzbank. Tuttavia, i due istituti di credito hanno entrambi un cost/ratio, un rapporto tra costi e rendimenti, decisamente modesto: oscilla tra 80 (Commerz) e 93 (Deutsche). Quest’ultima, che è anche la prima banca europea, soltanto nel 2018 ha segnato il primo utile, che mancava dal 2014.

E, poi, era emersa non soltanto l’opposizione dei sindacati in vista dei consistenti licenziamenti, ma anche quella di azionisti importanti come il Qatar e il fondo cinese Hna. 

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com