Si è dimesso (a sorpresa) il presidente della Bundesbank

Il ‘falco’ Jens Weidmann lascerà la banca centrale tedesca il 31 dicembre dopo 10 anni per “motivi personali”

Si è dimesso (a sorpresa) il presidente della Bundesbank
Jens Weidmann

Il capo della Bundesbank, Jens Weidmann, ha chiesto al presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier di dimetterlo dall’incarico a partire dal 31 dicembre di quest’anno. Lascerà la Banca centrale tedesca, che dirige dal maggio 2011, per motivi personali.

Ecco i passaggi principali del suo annuncio.

“La politica monetaria ha svolto un ruolo significativo di stabilizzazione durante questo periodo. Tuttavia, le numerose misure di emergenza di politica monetaria sono state associate anche a notevoli effetti collaterali e nella modalità di crisi in corso, il sistema di coordinate della politica monetaria è cambiato.”

“I miei colleghi del Consiglio direttivo sotto la guida di Christine Lagarde meritano un ringraziamento per l’atmosfera aperta e costruttiva nelle discussioni a volte difficili degli anni passati. Nonostante le tensioni causate dalla pandemia, siamo riusciti a portare a termine con successo la revisione della strategia, un'importante pietra miliare della politica monetaria europea.”

“Come Bundesbank abbiamo contribuito con fiducia al processo di revisione con la nostra competenza analitica e le nostre convinzioni fondamentali. È stato concordato un obiettivo di inflazione simmetrico e più chiaro. Occorre prestare maggiore attenzione agli effetti collaterali e, in particolare, ai rischi per la stabilità finanziaria. Un superamento mirato del tasso di inflazione è stato respinto. E l’Eurosistema presterà maggiore attenzione ai rischi climatici in futuro.”

“In prospettiva sarà fondamentale non guardare unilateralmente ai rischi deflazionistici, ma anche non perdere di vista i potenziali pericoli inflazionistici. E le misure di crisi con la loro straordinaria flessibilità sono proporzionate soltanto alla situazione di emergenza per la quale sono state create. Una politica monetaria orientata alla stabilità sarà possibile nel lungo periodo solo se il quadro dell’Unione monetaria garantisce l’unità di azione e responsabilità, la politica monetaria rispetta il suo mandato ristretto e non rimane impigliata al traino della politica fiscale o dei mercati finanziari. Questa rimane la mia ferma convinzione personale, così come l’elevata importanza dell’indipendenza della politica monetaria.”

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

La Bundesbank ha fatto i conti: l’embargo sul gas russo costerebbe 180 miliardi alla Germania e il 5% del Pil

Olaf Scholz: “Non vedo come embargo a gas possa fermare guerra”. Il cancelliere tedesco usa lo spettro della guerra nucleare per intimorire l’Ue rispetto alla messa al bando del gas russo. [continua ]

Energie & Risorse
L’economia è in “acque agitate”

L’economia tedesca è in “acque agitate”. Il governo taglia le previsioni sulla crescita

Economia
La Germania è ora la terza economia globale

La Germania è ora la terza economia mondiale

Economia

L’economia globale frena. La Cina rallenta. Germania in recessione. L’eccezione degli Usa

Nel contesto di una generale frenata dell’economia globale, con Cina ed Eurozona a rappresentare gli anelli deboli, il Fondo Monetario Internazionale taglia le stime del Pil italiano: +0,7 per cento nel 2023. [continua ]

Economia
La prima economia europea è troppo dipendente da due Big Tech cinesi

La Germania scopre di essere troppo dipendente da due Big Tech cinesi. E corre ai ripari

Strategie & Regole
quoted business

2023, l’anno del sorpasso dell’India ai danni del Regno Unito come quinta economia al mondo. Prossimo obiettivo di Delhi: superare Germania e Giappone

Gli Stati Uniti dovrebbero continuare ad essere la più grande economia nel 2023 con un Pil previsto di 26,9 trilioni di dollari. La Cina rimane al secondo posto con 19,4 trilioni. [continua ]

Economia

Indicatori

Crediti deteriorati

L'andamento dei crediti deteriorati dal 2005 al 2020 in Italia, Francia, Germania, Regno Unito e Spagna in rapporto al totale dei crediti erogati

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com