La Bank of England verso l'aumento dei tassi di interesse. È la mossa giusta?

Dopo le notizie diffuse nei giorni scorsi i mercati si attendono un aumento del costo del denaro nella riunione del 2 agosto. Ma gli indicatori macroeconomici non sembrano giustificare la decisione della Banca centrale

Verso l’aumento dei tassi di interesse. È la mossa giusta?
Mark Carney, governatore della Bank of England

La Bank of England si è legata le mani da sola. Nei giorni scorsi è emerso che probabilmente i tassi di interesse verranno aumentati giovedì 2 agosto. E ciò ha fatto salire le aspettative dei mercati per un rialzo. Se, invece, ci dovesse essere un ripensamento last minute – e i tassi restassero dunque allo 0,5% - la sterlina subirebbe una flessione nelle borse di mezzo mondo.

In realtà, non vi è alcun motivo reale per far salire il costo del denaro allo 0,75%. I salari crescono meno velocemente, l'inflazione è inferiore rispetto alle previsioni di tre mesi fa della Banca centrale e le vendite al dettaglio sono deboli. E, poi, l'indebitamento dei consumatori, escludendo i mutui, aumenta a un tasso annuo di quasi il 9% in quanto le persone accollano i loro consumi sulle carte di credito.

Ci sono stati momenti in cui la forte crescita dei prestiti non garantiti era un segno di un'economia surriscaldata, ma non è questo il caso. Nel 2017 gli standard di vita sono diminuiti e il mercato immobiliare è rimasto stazionario. Le famiglie del Regno Unito prendono a prestito non perché hanno fiducia. Il loro “sentiment” non è aumentato. In molti casi lo fanno per far quadrare i conti.

La situazione è tale per cui, pur di non perdere la decurtazione alla retribuzione prevista per i giorni di malattia, i britannici si sono riscoperti fisicamente più tonici. Il numero di giorni di malattia si è quasi dimezzato nell'ultimo quarto di secolo, da una media di 7,2 nel 1993 a 4,1 nel 2017, il più basso mai registrato.

L'aumento dei tassi di giovedì avrebbe un senso se riuscisse a sostenere la sterlina e rafforzare la credibilità della Banca senza danneggiare la crescita. Ma ci riuscirà?

Fonte

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com