Powell è il nuovo presidente della FED. Chi ha scelto Trump per una posizione così strategica?

Chi è il nuovo presidente della FED, Jerome Powell?
A sinistra di spalle il presidente della Federal Reserve uscente, Janet Yellen, e a dx il nuovo Governatore, Jerome Powell

Donald Trump ha nominato Jerome Powell Presidente della Federal Reserve, la Banca centrale statunitense. Se confermato dal Senato, Powell subentrerà a Janet Yellen a febbraio 2018.

E' un repubblicano che ha costruito la propria ricchezza come partner nel Gruppo Carlyle. Il patrimonio netto attuale di Powell è valutato tra 19,7 e 55 milioni di dollari.

Nonostante la ricchezza, gli amici e gli ex colleghi di Powell lo descrivono come "persona normale". Vive in Chevy Chase, Maryland. Non beve molto, gioca a golf e suona la chitarra. Dopo che Powell ha lasciato il gruppo Carlyle si è impegnato in numerose attività di beneficenza, tra cui la Conservancy Nature.

La voce di quoted

Jerome Powell è, dunque, un finanziere milionario. Non un economista, per la prima volta dopo gli ultimi tre presidenti della Federal Reserve: Greenspan-Bernanke-Yellen. Repubblicano, moderato, non dovrebbe sconvolgere la politica monetaria statunitense. Powell, 64 anni, è stato già governatore della Banca centrale e a nominarlo non fu un repubblicano ma un democratico: Barack Obama. Ques’ultimo aspetto non deve sembrare poi così strano visto che nella tradizione USA viene normalmente nominato come presidente della FED un rappresentante del partito opposto a quello del Capo della Casa Bianca. Altra tradizione sarebbe quella dei due mandati, mentre per Janet Yellen, l’attuale presidente, scade a febbraio il primo mandato. Entrambe queste tradizioni sono state ignorate da Trump. Ma con questa nomina il Presidente USA in realtà vuole confermare quanto fatto dalla FED dl 2008 in poi, ovvero politica monetaria espansiva e quantitative easing, cercando di evitare continui aumenti dei tassi di interesse, come forse avrebbe invece suggerito un altro candidato repubblicano alla presidenza FED come John Taylor.
Fonte

La voce di quoted

Jerome Powell è, dunque, un finanziere milionario. Non un economista, per la prima volta dopo gli ultimi tre presidenti della Federal Reserve: Greenspan-Bernanke-Yellen. Repubblicano, moderato, non dovrebbe sconvolgere la politica monetaria statunitense. Powell, 64 anni, è stato già governatore della Banca centrale e a nominarlo non fu un repubblicano ma un democratico: Barack Obama. Ques’ultimo aspetto non deve sembrare poi così strano visto che nella tradizione USA viene normalmente nominato come presidente della FED un rappresentante del partito opposto a quello del Capo della Casa Bianca. Altra tradizione sarebbe quella dei due mandati, mentre per Janet Yellen, l’attuale presidente, scade a febbraio il primo mandato. Entrambe queste tradizioni sono state ignorate da Trump. Ma con questa nomina il Presidente USA in realtà vuole confermare quanto fatto dalla FED dl 2008 in poi, ovvero politica monetaria espansiva e quantitative easing, cercando di evitare continui aumenti dei tassi di interesse, come forse avrebbe invece suggerito un altro candidato repubblicano alla presidenza FED come John Taylor.
www.quotedbusiness.com