Mercati e investitori spiazzati: avevano scommesso su una vittoria schiacciante di Biden

Gli investitori si aspettavano che l’ondata blu (democratica) avrebbe portato nel breve termine al via libera di un altro ampio pacchetto di stimoli fiscali a imprese e famiglie per risollevare l’economia statunitense travolta dalla seconda ondata di Covid

Mercati e investitori spiazzati

L’incertezza sull’esito delle elezioni presidenziali Usa ha minato le aspettative degli investitori, la maggior parte dei quali aveva scommesso su una vittoria netta di Joe Biden e del partito democratico. Il risultato è l’alta volatilità che durante la mattinata ha predominato sul mercato dei titoli del Tesoro Usa e sui future di Wall Street.

Gli investitori si aspettavano che l’ondata blu (democratica; i rossi invece sono i repubblicani) avrebbe portato nel breve termine al via libera di un altro ampio pacchetto di stimoli fiscali a imprese e famiglie per risollevare l’economia statunitense travolta dalla seconda ondata di Covid. Tuttavia, l’incertezza e il rischio che il risultato elettorale possa restare incerto per giorni hanno aumentato il nervosismo dei mercati.

Ad esempio, i gestori di fondi si erano posizionati negli ultimi giorni per una buona performance di Biden. Hanno venduto titoli del Tesoro di 10 e 30 anni scommettendo che trilioni di miliardi di dollari di stimoli avrebbero potuto riversarsi nell’economia se Biden avesse vinto e il suo partito avesse preso il controllo del Senato. Adesso però non ne sono più convinti.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com