Ecco perché il Ceo di Pfizer ha venduto le azioni della società (in anticipo)

Albert Bourla, cedendo il 62% dei titoli in suo possesso nel giorno dell’annuncio del vaccino, aveva guadagnato 5,5 milioni di dollari. Ma era sembrato un’operazione avventata. Ora c’è un motivo plausibile

Ecco perché il Ceo di Pfizer ha venduto le azioni (in anticipo)
Il Ceo di Pfizer Albert Bourla

Nei giorni scorsi, con una mossa avventata e che a molti era sembrata troppo in anticipo (visto che nelle settimane successive il valore delle azioni era destinato ad aumentare in seguito all’annuncio del vaccino da parte di Pfizer), l’amministratore delegato del colosso, Albert Bourla, aveva venduto il 62% delle azioni che aveva nel gruppo, guadagnando 5,56 milioni di dollari.

È bene chiarire che la Securities and Exchange Commission statunitense consente ai principali azionisti e ai dipendenti delle società quotate in borsa di scambiare un numero predeterminato di azioni in un momento prestabilito. E questo, secondo la società, era il caso.

Ma è apparso comunque strano che la cessione sia avvenuta nello stesso giorno in cui la società ha annunciato che il vaccino contro il Covid-19 è efficace al 90% sulla base dei risultati della sperimentazione provvisoria. Il che era sembrato un buon esito tanto da far aumentare il valore delle azioni.

Qualcuno ora sospetta che il Ceo sapesse dei risultati più robusti (efficacia al 94,5%, trasportabilità e mantenimento facilitati) del vaccino di Moderna rispetto a quello prodotto da Pfizer. E, quindi, avrebbe provato, riuscendoci, a capitalizzare il valore delle (sue) azioni anticipando l’annuncio di Moderna.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com