Cristiano Ronaldo rischia il processo per evasione fiscale. Non avrebbe versato 15 mln di euro

I giudici di Madrid lo accusano di non aver versato al fisco spagnolo 14,8 milioni di euro derivanti da introiti pubblicitari. La decisione sul rinvio a giudizio è attesa nelle prossime settimane

Cristiano Ronaldo rischia il processo per evasione fiscale
Cristiano Ronaldo

Le doti sportive sono indiscutibili, mentre il comportamento come contribuente del fisco spagnolo è ancora sotto la lente di ingrandimento dell'autorità giudiziaria.

Accusa di evasione

La magistratura di Madrid lo accusa di aver evaso 14,8 milioni di euro di tasse con l'aiuto di un complesso groviglio di società e di averlo fatto "consapevolmente e deliberatamente". Nelle prossime settimane i giudici decideranno se Ronaldo dovrà affrontare un processo con l'accusa di evasione fiscale. In caso di condanna il reato prevede vari anni di carcere.

Un misero 4%

L’Irlanda, le Isole Vergini britanniche, una piccola banca privata in Svizzera, una fondazione a Panama: sarebbero i veicoli offshore usati da Ronaldo trovati finora dagli investigatori. Si tratta di circa 150 milioni di euro di entrate pubblicitarie sulle quali l’attaccante del Real Madrid avrebbe pagato poco meno di 6 mln di euro di tasse tra il 2009 e il 2014.

Dal 2015

I nuovi documenti Football Leaks indicano che, successivamente al 2014, Ronaldo avrebbe utilizzato altre due società offshore: una in Lussemburgo e l’altra sull'isola di Jersey (nel Canale della Manica). Sebbene il suo nome non appaia in alcun documento, le prove fornite da Football Leaks mostrano Ronaldo come unico beneficiario. In linea di principio è legale utilizzare società offshore, a condizione che i redditi siano stati assoggettati al fisco nel luogo ove sono stati generati. Non è ancora noto se Ronaldo lo abbia fatto o meno. Ma non sembra esserci traccia nella sua dichiarazione dei redditi per il 2015. Forse si scoprirà. È, invece, certo che manca poco alla decisione dei giudici di Madrid.

Fonte

Indicatori

L'andamento del rapporto debito/Pil in Francia, Germania, Italia, Regno Unito e Spagna

Osservando l’andamento del rapporto debito/pil nei cinque paesi selezionati emergono tre aspetti nodali 1) la tendenza a convergere da parte di Francia, Regno Unito e Spagna negli ultimi anni 2) la dimensione del debito italiano 3) la netta inversione di marcia della Germania dopo il 2012

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com