Premier League, un altro passo verso la Super League Europea? I diritti-TV al centro dello scontro

Premier League, si va verso la Super League Europea?
Un momento di gioco del match perso dal Chelsea con il Manchester City

I club di Premier League hanno al momento respinto la proposta dei sei team più ricchi (Manchester City, Manchester United, Tottenham, Arsenal, Liverpool e Chelsea) di porre fine alla eguale distribuzione dei proventi generati dai diritti televisivi acquisiti da media stranieri.

Un piano, presentato dal presidente della Lega, Richard Scudamore, suggerisce che il 35% delle entrate siano assegnate in base alla posizione raggiunta in campionato. Ma l’accordo è sfumato e se nè riparlerà a novembre.

Il giro d’affari supera i 3 miliardi di euro per il 2016-19, che corrisponde a 39 milioni di sterline ogni anno per ciascun club. Ma ora che i nuovi contratti con Cina e Stati Uniti per il periodo 2019-2022 sono aumentati di valore, i “big six” vogliono una quota maggiore.

Bisogna a questo punto capire quale compromesso potrà essere raggiunto per evitare la creazione di una Super League Europea.

Fonte

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com