Vendite di auto a febbraio: -79%. E la Cina torna a ‘respirare’

Nella seconda economia al mondo la concentrazione di biossido di azoto nell’atmosfera è crollata in maniera impressionante

Vendite di auto a febbraio: -79%. E la Cina torna a ‘respirare’

La vendita di veicoli in Cina ha avuto a febbraio un crollo del 79%, attestandosi a 310.000 unità, registrando il più grande tonfo mensile del settore a causa delle esternalità negative indotte dalla diffusione del Covid-19. L’Associazione cinese dei produttori (Caam) ha stimato che la produzione di auto sarà duramente colpita dalla pandemia, ipotizzando un calo delle vendite di oltre il 10% nella prima metà del 2020 e di circa il 5% a fine anno.

Sempre che il coronavirus finisca in qualche modo sotto controllo entro aprile.

Ci sono dunque i contagi e decessi, oltre al crollo dell’economia, ma c’è anche un risvolto ‘positivo’.

Nella seconda economia al mondo la concentrazione di biossido di azoto nell’atmosfera è crollata in maniera impressionante da quando sono state adottate le misure per contrastare la diffusione del Covid-19.

Fonte

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com