Il ricatto del Marocco

Le strategie nel Mediterraneo occidentale tra Spagna, Marocco, Algeria e la delicata questione saharawi. Al centro interessi economici e geopolitici

Il ricatto di Rabat

L’arrivo nell’enclave spagnola di Ceuta di circa 9 mila migranti in poche ore è, ufficialmente, la risposta del Marocco alla presenza in Spagna del segretario generale del Fronte Polisario, Brahim Ghali, che, malato di Covid, è ricoverato all’ospedale di Logroño.

Ghali, 71 anni, è entrato in Spagna il 20 aprile sotto falsa identità su richiesta di Algeri, protettrice da sempre della causa saharawi (il popolo saharawi, cioè sahariano, è costituito dai gruppi tribali arabo-berberi tradizionalmente residenti nelle zone del Sahara Occidentale) e in ottimi rapporti con Madrid, di cui è il principale fornitore di gas. Il governo spagnolo ha giustificato il ricovero per “ragioni umanitarie”.

Non è però solo la presenza di Ghali in Spagna che ha portato Rabat a usare la carta della pressione migratoria, una strategia molto efficace, come insegna il caso della Turchia (alla quale l’Ue ha dato 8 miliardi di euro per trattenere i migranti nel paese guidato da Erdogan).

Il regno di Muhammad VI sta approfittando del momento favorevole: in cambio della normalizzazione delle relazioni con Israele, lo scorso 10 dicembre l’amministrazione Trump ha riconosciuto per la prima volta la piena sovranità marocchina, stravolgendo quarant’anni di risoluzioni dell’Onu, sul Sahara Occidentale.

L’ex colonia spagnola, occupata dal Marocco nel 1976, è un territorio ricco in fosfati e terre rare. Inoltre, le sue coste sono ambite per la pesca. Timorosa di un passo indietro da parte di Biden e nel mezzo della crisi palestinese, Rabat ha deciso così di mostrare i denti.

Che la questione sia delicata lo dimostra anche la risposta del premier spagnolo Pedro Sánchez che ha schierato l’esercito a Ceuta e difeso l’integrità territoriale spagnola, ottenendo l’appoggio della Commissione europea, ma ha teso allo stesso tempo la mano a Rabat, partner commerciale e alleato chiave di Madrid nel Mediterraneo occidentale.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Quanti soldi diamo alla Libia per fermare i migranti?

“Le immagini dei bambini morti sulle spiagge della Libia sono inaccettabili”. Si è espresso così Mario Draghi al termine del Consiglio europeo, che mostra tutte le resistenze continentali verso una riforma organica del dossier immigrazione. Entro giugno si arriverà al massimo a un patto intergovernativo che garantisca la suddivisione dei migranti tra alcuni dei Paesi membri. Intanto, dal 2017, l’Italia ha speso in Libia 784,3 mln di euro. Ma la destinazione finale di questi fondi non è nota. [continua ]

Global
Migranti, l’inchiesta scomoda che punta l’indice contro le Ong

Migranti, l’inchiesta scomoda che punta l’indice contro le Ong

Global
Anche il Marocco allaccia relazioni con Israele

Dopo Emirati Arabi Uniti, Bahrein e Sudan, anche il Marocco allaccia relazioni con Israele

Global
Bruxelles rivoluziona la politica sui migranti. Ma è un mezzo passo avanti

L’Ue rivoluziona la politica sui migranti. Ma è un mezzo passo avanti

Ue
Global

‘Pata negra’ prodotto negli Usa. Scippato alla Spagna il suo gioiello

Il Texas e la Georgia potranno produrre il mitico Jamón Ibérico spagnolo ed esportarlo nel mondo, dopo avere avuto l’autorizzazione a importare negli Stati Uniti i maiali dalle zampe nere (Pata negra) dai quali lo si ricava. Il Jamón Ibérico de Bellota (letteralmente prosciutto iberico di ghianda) di prima qualità deve provenire da maiali iberici che trascorrono gli ultimi mesi della loro vita mangiando ghiande sulla dehesa, un pascolo tradizionale spagnolo ombreggiato da querce secolari. [continua ]

Global
Migranti: l’Italia esce dai primi 5 Paesi di accoglienza

Migranti, Ue: l’Italia esce dai primi 5 Paesi di accoglienza

Ue
Global

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com