Bankitalia taglia Pil 2019 da 1% a 0,6%. Verso la recessione tecnica

Nel 2020 risale allo 0,9%, poi all'1% nel 2021. Ma permangono forti rischi "al ribasso"

Bankitalia taglia Pil 2019 da 1% a 0,6%. Verso la recessione tecnica

Bankitalia taglia le stime sul prodotto interno lordo: 0,6% nel 2019, ovvero 0,4 punti in meno rispetto a quanto valutato in precedenza. Le previsioni per il 2020 e 2021 sono, rispettivamente, dello 0,9 e dell'1%. Tuttavia, i rischi per il Pil sono al ribasso.

"In Italia, dopo che la crescita si era interrotta nel terzo trimestre, gli indicatori congiunturali disponibili suggeriscono che l'attività potrebbe essere ancora diminuita nel quarto", si legge nel Bollettino diffuso da Bankitalia. E se si verificasse, una simile possibilità equivarrebbe a una recessione tecnica.

Giù anche i conusumi delle famiglie: "Nel terzo trimestre, in graduale rallentamento dall'inizio dell'anno, sono scesi dello 0,1% rispetto al periodo precedente". Banca d'Italia aggiunge che "gli indicatori congiunturali più recenti suggeriscono che negli ultimi tre mesi dell'anno l'andamento dei consumi si sarebbe confermato debole, in linea con le più recenti dinamiche del mercato del lavoro".

Col segno meno anche gli investimenti diminuiti dell'1,1% nel terzo trimestre e si aspetta un rallentamento dei piani d'investimento delle imprese anche per il complesso del 2019.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Le regioni nel mondo
In Lombardia persi 77 mila occupati nel 2020

In Lombardia persi 77 mila occupati nel 2020

Economia

quoted business

Verso un nuovo ruolo per lo Stato?

Il governatore della Banca d’Italia: “Già prima della pandemia, lo Stato era molto presente in Italia, grazie al suo 45% di spesa pubblica sul totale del Pil. Fino al 1920 questa percentuale era contenuta entro il 10-20%”. Oggi, per Ignazio Visco, non abbiamo più uno Stato “produttore”, come ai tempi dell’Iri, ma regolatore. [continua ]

Economia
Fmi: “Il Pil salirà del 4,3% nel 2021 e del 4% nel 2022”

Fmi: “Il Pil dell’Italia salirà del 4,3% nel 2021 e del 4% nel 2022”

Economia
Il realismo di Draghi: “La ripresa c’è. Il timore è che non sia duratura”

quoted business

Il realismo di Draghi: “La ripresa c’è. Il timore è che non sia duratura”

Economia

Agi

I Benetton lasciano Autostrade, che tornano nelle mani dello Stato. Ma a quale prezzo?

L’assemblea di Atlantia dà l’ok alla vendita di Autostrade al consorzio capitanato da Cdp. Il cda della holding dei Benetton si riunirà il 10 giugno per assumere le determinazioni finali. [continua ]

Economia

Entro la fine del 2021 persi 1,3 milioni di occupati

La perdita di posti di lavoro per il complesso delle imprese italiane, tra dicembre 2019 e la fine del 2021, sarà pari all’8,2% del totale dei 16 milioni di addetti nelle imprese prima dell’emergenza. Nonostante le difficoltà sul fronte occupazionale, secondo laCongiuntura flash di Confindustria, il Pil italiano è tuttavia sulla “buona strada”. [continua ]

Economia

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com