Bankitalia taglia Pil 2019 da 1% a 0,6%. Verso la recessione tecnica

Nel 2020 risale allo 0,9%, poi all'1% nel 2021. Ma permangono forti rischi "al ribasso"

Bankitalia taglia Pil 2019 da 1% a 0,6%. Verso la recessione tecnica

Bankitalia taglia le stime sul prodotto interno lordo: 0,6% nel 2019, ovvero 0,4 punti in meno rispetto a quanto valutato in precedenza. Le previsioni per il 2020 e 2021 sono, rispettivamente, dello 0,9 e dell'1%. Tuttavia, i rischi per il Pil sono al ribasso.

"In Italia, dopo che la crescita si era interrotta nel terzo trimestre, gli indicatori congiunturali disponibili suggeriscono che l'attività potrebbe essere ancora diminuita nel quarto", si legge nel Bollettino diffuso da Bankitalia. E se si verificasse, una simile possibilità equivarrebbe a una recessione tecnica.

Giù anche i conusumi delle famiglie: "Nel terzo trimestre, in graduale rallentamento dall'inizio dell'anno, sono scesi dello 0,1% rispetto al periodo precedente". Banca d'Italia aggiunge che "gli indicatori congiunturali più recenti suggeriscono che negli ultimi tre mesi dell'anno l'andamento dei consumi si sarebbe confermato debole, in linea con le più recenti dinamiche del mercato del lavoro".

Col segno meno anche gli investimenti diminuiti dell'1,1% nel terzo trimestre e si aspetta un rallentamento dei piani d'investimento delle imprese anche per il complesso del 2019.

Fonte

Articoli correlati

quoted business

Il Pil italiano crolla del 12,4% nel 2° trimestre

Il Pil italiano del secondo trimestre ha subito un duro contraccolpo. Ma il dato è meno pesante di quel che si aspettavano alcuni analisti e di quanto visto in alcuni vicini Paesi europei. Il reddito nazionale ha fatto registrare nel periodo aprile-giugno il valore più basso dal primo trimestre 1995 (periodo di inizio dell'attuale serie storica): la diminuzione è pari al 12,4% rispetto al primo trimestre, e del 17,3% in relazione allo stesso periodo del 2019. [continua ]

Economia

quoted business

Bankitalia: “Incrementi di spesa e riduzioni di imposte non si traducono automaticamente in più Pil”

“Per il nostro paese inizia ora un percorso tutt’altro che agevole. Andranno delineati in tempi rapidi progetti di investimento e di riforma lungimiranti, concreti e dettagliati. Tali progetti andranno attuati senza ritardi e inefficienze. È la condizione per garantire l’effettivo accesso ai finanziamenti previsti dal Next Generation EU, per rilanciare la crescita e la produttività dell’economia italiana”. [continua ]

Economia
Cdm, ok allo scostamento di bilancio di 25 mld

Cdm, ok allo scostamento di bilancio di 25 mld

Economia
Conte: “Sul Mes c’è un’attenzione morbosa”

Agi

Conte: “Sul Mes c’è un’attenzione morbosa”

Economia

Dia: “Boom di affari per le mafie dopo il Covid”

La paralisi economica provocata dalla pandemia di coronavirus può aprire alle mafie “prospettive di arricchimento ed espansione paragonabili a ritmi di crescita che può offrire solo un contesto post-bellico”. È l’allarme contenuto nella Relazione semestrale della Dia inviata al Parlamento. Il rischio è che le mafie allarghino il loro ruolo di “player affidabili ed efficaci” a livello globale, mettendo le mani anche su aziende di medie e grandi dimensioni in crisi di liquidità. [continua ]

Economia
Accordo su Autostrade

Accordo su Autostrade

Economia

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com