Briatonomics: “Il reddito di cittadinanza? Una cazzata”

Briatonomics: “Il reddito di cittadinanza? Una cazzata”
Flavio Briatore

"Il reddito di cittadinanza è una cazzata". Si esprime così Flavio Briatore a margine dell'assemblea di Federalberghi a Capri. La sua idea è che “ci vorrebbero dei contratti stagionali e noi sostituirci al Governo”.

Invece, per Briatore, "l'esecutivo dà a un dipendente 700 euro per non far niente, quando bisognerebbe che desse la possibilità agli imprenditori di pagare la stessa cifra, gestire il lavoratore per aiutarlo a crescere e poi, se è bravo, dargli un contratto a tempo indeterminato. Le persone hanno bisogno di lavorare, i ragazzi vogliono lavorare. E abbiamo un carico fiscale impossibile".

Nella Briatonomics c’è, quantomeno, un elemento di confusione: il cosiddetto reddito di cittadinanza (che è in realtà un reddito di inserimento) è una misura essenzialmente contro la povertà. Mentre le politiche del lavoro prevedono altri tipi di strumenti. Però, Briatore ha ragione quando sostiene che il vero cruccio è l’aumento del tasso di occupazione che in Italia resta al 63% a fronte di una media Ue del 73,2%.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com