60 economisti al governo: "Chiarire se vuole alzare le tasse, tagliare la spesa o rischiare una crisi"

In una lettera aperta al governo un gruppo di economisti: "L'irresponsabilità fiscale non ha colore politico. Occorre che il governo spieghi se vuole aumentare ora la pressione fiscale, rischiare una crisi finanziaria o impegnarsi in una seria revisione della spesa pubblica e delle promesse elettorali"

60 economisti al governo: "Chiarisca cosa vuole fare"
Giuseppe Conte

Un gruppo di 60 economisti scrive all’esecutivo italiano.

La loro opinione è che “nel Documento di Economia e Finanza, il governo Conte ha promesso nuove entrate fiscali per circa 52 miliardi tra il 2020 e il 2021. Queste entrate non sono solo necessarie per compensare i disavanzi contratti durante la recessione del 2008-2013, il rallentamento della crescita e l’aumento dei tassi d’interesse, ma anche per finanziare nuove spese, come il reddito di cittadinanza e quota 100 che, secondo il Documento di Economia e Finanza, incrementano le prestazioni sociali di oltre 48 miliardi dal 2020 al 2022 (+0,8% di PIL all’anno)".

E lo scenario si fa cupo: "Con tale programma di finanza pubblica, l’aumento delle aliquote IVA e delle accise non ha alternative credibili”.

Secondo gli economisti, “occorre che il governo chiarisca quale strada intende percorrere: se aumentare ora la pressione fiscale, rischiare una crisi finanziaria o, infine, impegnarsi in una seria revisione della spesa pubblica e delle promesse elettorali. Questi problemi riguardano le famiglie e le imprese italiane e prescindono da interessi di parte e dall’orientamento ideologico: l’irresponsabilità fiscale non ha colore politico.”

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com