Cottarelli: “Il dl rilancio è un provvedimento tappa buchi. Ma serve un’altra manovra”

Il direttore dell’Osservatorio sui Conti Pubblici Italiani: “Il provvedimento sarebbe stato perfetto come decreto di aprile ma con un mese di ritardo adesso ci dovrebbe essere qualcos’altro”

Cottarelli: “Il dl rilancio è un provvedimento tappa buchi”

Quello approvato dal Consiglio dei ministri “non è un decreto di rilancio, ma un provvedimento che tappa tanti buchi che era necessario tappare. Ora però diventa anche più urgente pensare davvero al rilancio, il che richiede investimenti pubblici e meno burocrazia per dare una spinta per far ripartire l’economia”. Lo dice all’Agi Carlo Cottarelli, direttore dell’Osservatorio sui Conti Pubblici Italiani.

Il provvedimento sarebbe stato “perfetto come decreto di aprile” ma, “con un mese di ritardo, adesso ci dovrebbe essere qualcos’altro”. 

Nella fattispecie, “alla fine sarà necessario un altro decreto fra due-tre mesi”. Il problema però è che “il deficit pubblico del Def del 10,5% del Pil comprende questa manovra ma non ne comprende un’eventuale altra”.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com