Stato (a)sociale, mezzo mondo è senza protezione

Secondo l’Ilo sono oltre 4 miliardi le persone che non beneficiano di alcuna forma di stato sociale. E la pandemia ha esacerbato il divario esistente tra paesi con alti e bassi livelli di reddito

Stato (a)sociale, mezzo mondo è senza protezione

Il nuovo rapporto, ‘World Social Protection Report 2020–22: Social protection at the crossroads – in pursuit of a better future’, dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (Oil) evidenzia che, nonostante l’estensione senza precedenti e su scala mondiale della protezione sociale, durante la crisi del COVID-19 oltre 4,1 miliardi di persone (il 53% della popolazione globale) sono completamente prive di protezione.

Lo studio dimostra che la risposta alla pandemia è stata disomogenea e insufficiente, ampliando il divario tra paesi con alti e bassi livelli di reddito, senza riuscire a garantire la protezione sociale necessaria di cui dovrebbero poter godere tutti gli esseri umani. La protezione sociale comprende l’accesso all’assistenza sanitaria e la sicurezza del reddito, tra cui il trattamento pensionistico; le indennità di disoccupazione, malattia, disabilità e infortuni sul lavoro; la protezione della maternità e quella in caso di perdita del reddito principale; e l’assistenza all’infanzia.

“I paesi si trovano di fronte ad un bivio - ha affermato il Direttore Generale dell’Oil, Guy Ryder -. Questo è un momento cruciale per trarre vantaggio dalla crisi generata dalla pandemia per costruire una nuova generazione di sistemi di protezione sociale basati sui diritti. Questi sistemi possono attenuare gli effetti delle crisi future sulle persone e dare ai lavoratori e alle imprese la sicurezza necessaria per affrontare le molteplici transizioni future con fiducia e speranza. Dobbiamo riconoscere che un welfare state efficace e completo non è solo essenziale per il raggiungimento della giustizia sociale e il lavoro dignitoso, ma anche per creare un futuro sostenibile e resiliente”.

Esistono disuguaglianze significative tra regioni in termini di ‘stato sociale’. L’Europa e l’Asia centrale hanno i tassi di copertura più alti, con l’84% delle persone coperte da almeno una prestazione. Anche le Americhe sono sopra la media globale, con il 64,3%. L’Asia e il Pacifico (44%), gli Stati arabi (40%) e l’Africa (17,4%) presentano notevoli divari di copertura. Nel mondo, la maggior parte dei bambini non beneficia di un’effettiva copertura di protezione sociale — solo un bambino su quattro (il 26,4%) riceve un sussidio. Nel mondo, solo il 45% delle madri con neonati prende un assegno di maternità. Solo una persona su tre con gravi disabilità (il 33,5%) ottiene un sussidio di invalidità. La copertura delle indennità di disoccupazione è ancora più bassa; solo il 18,6% dei lavoratori disoccupati nel mondo è effettivamente coperto. E, nonostante il 77,5% delle persone in età pensionabile riceva una qualche forma di pensione di vecchiaia, persistono disparità notevoli tra regioni, tra aree rurali e urbane, nonché tra donne e uomini.

Anche la spesa pubblica per il welfare varia in modo significativo. In media, i paesi spendono il 12,8% del loro Pil per la protezione sociale (esclusa la salute). I paesi ad alto reddito mettono sul piatto il 16,4% e quelli a basso reddito solo l’1,1%. A ciò occorre aggiungere che il divario di finanziamento dei sistemi di welfare (la spesa aggiuntiva necessaria per garantire almeno la protezione sociale minima per tutti) è aumentato di circa il 30% dall’inizio della crisi del Covid.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

L’Ue si dà la zappa sui piedi e finisce nel ‘cul de sac’ dei fertilizzanti chimici

Il blocco all’export dei fertilizzanti sancito dalle sanzioni occidentali e consolidato dai provvedimenti moscoviti danneggia l’agricoltura europea e non può che portare al sensibile calo della produzione agricola a livello mondiale. Anche in paesi remoti e molto poveri. E quando l’export ripartirà potrebbe essere dirottato da Putin verso i “paesi non ostili”. [continua ]

Economia

Ray Dalio: “Il denaro facile ha allargato i divari. Prepariamoci a guerre civili e globali”. E “alla fine dell’Impero americano”

Il fondatore del fondo Bridgewater, il più grande hedge fund al mondo, lancia l’allarme: “Debito, inflazione e populismo portano il mondo verso una crisi economica e un grande conflitto di potere tra Stati Uniti e Cina”. [continua ]

Economia

Tra le prime 10 economie al mondo solo 2 non hanno ancora recuperato i livelli di Pil del 2008 (prima della crisi globale scatenata dal fallimento di Lehman Brothers)

Mentre in molti si sono prima esaltati per la forte ripresa (in termini percentuali) delle economie di mezzo mondo dopo la fase acuta del Covid e poi depressi analizzando l’impatto globale dell’invasione russa dell’Ucraina, in pochi ricordano che alcuni paesi non si sono ancora ripresi dalla crisi del 2008. Il che ci fornisce una lezione da non sottovalutare [continua ]

Economia
Le economie più ricche per Pil pro-capite. Sul podio Usa, Germania e Canada

Le economie più ricche al mondo per Pil pro-capite. Sul podio salgono Usa, Germania e Canada

Economia
Inflazione Usa al top dal 1981. La Russia taglia i tassi
quoted business

Inflazione Usa al top dal 1981. La Russia taglia i tassi per la quarta volta da marzo

Economia
Draghi stoppa ancora lo shopping del Dragone
quoted business

Draghi stoppa ancora lo shopping del Dragone

Economia

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com