Taiwan, ecco come la piccola isola tiene in scacco il mondo

Per la prima volta in tre decenni, Taiwan ha superato l’economia cinese nel 2020

Ecco come la piccola isola tiene in scacco il mondo
Taiwan

Il mondo ha ansimato di stupore per l’impressionante crescita annua del Pil cinese nell’ultimo decennio, quando la Repubblica Popolare è diventata una potenza globale. L’anno scorso, tuttavia, la pandemia ha distrutto quell’incredibile traiettoria, portando all’espansione più lenta della Cina dal 1976 (‘appena’ il 2,3%). Ma quella cinese è stata comunque l’unica a segnare un segno positivo nel 2020 tra le grandi economia avanzate.

Il paese, nella regione asiatica, con le migliori performance è stato tuttavia Taiwan, il territorio controverso che la Cina vede come il suo, che ha visto il Pil espandersi del 3,11%. L’isola, che è stata ampiamente elogiata per la gestione della crisi sanitaria (ad oggi sono morte nove persone di Covid e sono stati registrati nel complesso meno di mille casi in un paese da 23 milioni di abitanti), ha anche beneficiato della domanda dei suoi prodotti tecnologici.

Il settore dei semiconduttori a Taiwan è cresciuto del 22,1% a fronte del 5,6% della Corea del Sud. La pandemia ha scatenato importanti interruzioni della catena di approvvigionamento e della logistica in tutto il mondo, che inizialmente hanno rallentato drasticamente il commercio globale. Ma poi l’industria dei semiconduttori di Taiwan, che fornisce i microchip che vengono utilizzati in numerosi prodotti (computer, smartphone, veicoli elettrici), si è ripresa. Nonostante la pandemia, le esportazioni di Taiwan sono infatti aumentate nel 2020 del 4,9%.

Le forti capacità produttive di Taiwan hanno consentito al paese di dominare il mercato globale dei microchip nonostante la forte concorrenza di Corea del Sud, Giappone, Cina, Stati Uniti e India. L’anno scorso la produzione di semiconduttori ha toccato nell’isola i 115 miliardi di dollari.

E anche nel 2021 Taiwan continuerà a beneficiare del grave deficit globale di chip che nelle settimane scorse ha costretto i colossi automobilistici Volkswagen, Ford e GM a chiudere temporaneamente la produzione.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com