Il Pil tedesco scende per la prima volta dal 2015. Arriva la conferma dell'Istituto di statistica

Il Pil scende per la prima volta dal 2015

La prima economia europea rallenta. Dopo la rivisitazione al ribasso della crescita tedesca da parte del Consiglio degli esperti economici la scorsa settimana – per il 2018 Pil all'1,6% invece del 2,3 previsto a marzo – arriva ora la conferma ufficiale dall'Istituto federale di statistica.

Il prodotto interno lordo della Germania ha segnato lo 0,5% nel terzo trimestre, il che si traduce in una diminuzione dello 0,2% rispetto ai tre mesi precedenti. È la prima volta che l'economia tedesca registra una contrazione in più di tre anni.

Il calo del Pil è dovuto principalmente agli sviluppi del commercio estero: secondo i calcoli provvisori, le esportazioni sono diminuite mentre le importazioni sono aumentate.

Per quanto riguarda la domanda interna, ci sono stati segnali contrastanti: gli investimenti fissi lordi in macchinari e attrezzature e in costruzione sono stati superiori a quelli del trimestre precedente, mentre la spesa per consumi finali delle famiglie è diminuita.

Alla base del trend calante del Pil le difficoltà del comparto automobilistico, l’effettivo volano dell’economia tedesca.

Tuttavia, alcuni economisti credono che questi risultati rappresentino soltanto una scivolata e non si mostrano preoccupati per la salute generale dell'economia tedesca, che secondo loro tornerà a rafforzarsi nel quarto trimestre. Per altri, invece, lo scenario non è destinato a migliorare anche perché le esportazioni continueranno a contrarsi come conseguenza di un'ulteriore attenuazione della domanda globale.

In ogni caso, ciò che il presente lascia presagire non è comunque positivo per il futuro. Se il ribasso della crescita (+1,6% per l’anno in corso) dei giorni scorsi stimato dal Consiglio di esperti aveva fatto notizia, l’ultima comunicazione dell’Istituto di statistica dipinge un quadro ancora più grigio: 1,5%.

E per l’economia italiana, che è al traino di quella tedesca, non è certo una buona notizia.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com