Berlino vende armi per oltre 1 mld di euro ai paesi del Medio Oriente

La Germania, tra i primi cinque esportatori di armi al mondo, fa affari con Egitto, Turchia, Qatar, Emirati Arabi Uniti, Kuwait, Giordania e Bahrein

Berlino vende armi per oltre 1 mld di euro ai paesi del Medio Oriente

Il governo tedesco ha dato il via libera all’export di armi verso i paesi coinvolti nei conflitti in Yemen e Libia per un totale di 1,16 miliardi di euro.

Berlino ha inoltre autorizzato lo scorso dicembre l’export in Egitto di armi ed equipaggiamenti militari per un valore di 752 milioni. Poi a gennaio sono giunti nuovi ok: concesse autorizzazioni alle aziende di armamenti tedesche per contratti di vendita con Qatar (305 mln), Emirati Arabi Uniti (51 mln), Kuwait (23 mln), Turchia (23 mln), Giordania (1,7 mln) e Bahrein (1,5 mln). Questi paesi sono tutti coinvolti in almeno uno dei conflitti in Yemen e Libia.

La Germania è tra i primi cinque esportatori di armi al mondo, insieme a Stati Uniti, Russia, Francia e Cina, secondo l’Istituto internazionale di ricerca sulla pace di Stoccolma (Sipri). I cinque paesi hanno rappresentato il 76% di tutte le esportazioni di armi nel periodo 2015-19.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com