Gibuti è sull’orlo del default. Cina in agguato

Il microstato del Corno d’Africa (13 volte più piccolo dell'Italia) è finito nella “trappola del debito”. Ma nessuno ha interesse che Gibuti fallisca…

È sull’orlo del default e rischia di fare la fine dello Sri Lanka
Il lago salato Abbe

Il piccolo stato del Corno d'Africa, Gibuti, è sull’orlo del default. Il paese ha deciso di sospendere i pagamenti del debito contratto in base ad accordi bilaterali, tra i quali quelli con la Cina (si tratta della seconda nazione africana dopo lo Zambia a prendere questa decisione), aprendo una fase di grande incertezza. Gibuti, che non può contare su risorse naturali da offrire, rischia di dover lasciare ai creditori i propri asset strategici a cominciare dal porto di Doraleh che si trova all’ingresso del Mar Rosso e del Canale di Suez, una posizione strategica a livello internazionale.

La Cina è il più grande creditore di Gibuti, che ha un debito pari a 1,4 miliardi di dollari, l’equivalente del 45% del Pil del paese, secondo i dati del Fondo monetario internazionale. L’economia di Gibuti ha subito gli effetti dell’invasione russa dell’Ucraina e del conflitto del Tigray (Etiopia), entrambe importanti fonti di beni alimentari per il paese. Anche la siccità sta giocando un ruolo rilevante. Nel frattempo, gli interessi passivi sul debito pubblico sono triplicati lo scorso anno arrivando a 184 milioni di dollari. Una cifra che potrebbe salire a 266 mln nel 2023 quando il paese inizierà i pagamenti per l’oleodotto verso l’Etiopia finanziato dalla Cina. 

Gibuti non è solo importante e strategico per la Cina. Ospita infatti un gran numero di installazioni militari di diversi Stati, tra cui l’Italia. Uno Stato 13 volte più piccolo dell’Italia, con quasi 1 milione di abitanti e un indice di sviluppo umano pari a 0,476 il che posiziona il paese del Corno d’Africa al 172esimo posto in classifica a livello mondiale. Ma, in virtù della sua posizione geografica posta tra lo Stretto di Bab al-Mandab e il Golfo di Aden, è un centro nevralgico per l’economia globale: da lì passa il 40% dei traffici. Ecco perché nessuno ha interesse che Gibuti vada in default

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

I 27 temono di restare schiacciati tra Usa e Cina

L’Ue teme di restare schiacciata tra Usa e Cina

Ue
Economia
Il debito totale in rapporto al Pil è al 420% negli Usa e al 330% in Cina

Il debito totale in rapporto al Pil è al 420% negli Usa e al 330% in Cina

Economia
Senza la Cina non c’è futuro per l’economia europea

Senza la Cina non c’è futuro per l’economia europea

Economia

Usa-Cina e la guerra tecnologica

Gli Stati Uniti ora mirano a fare a tutta la Cina quello che hanno fatto a Huawei. A seguito dell'annuncio del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti di nuove severe restrizioni sulle vendite di semiconduttori avanzati e altri beni high-tech statunitensi alla Cina, la rivalità sino-americana è entrata in una nuova importante fase. Anche nelle migliori circostanze, la Cina avrà grosse difficoltà ad adattarsi alla sua nuova realtà. [continua ]

Economia
Per la prima volta in 30 anni la Cina non è la locomotiva asiatica

Per la prima volta in 30 anni la Cina non è la locomotiva dell’Asia

Economia

La Cina pagherà in rubli e yuan il gas russo

Il Paese più popoloso al mondo, che ha progettato una totale disintermediazione dalla fornitura energetica Usa, si sta preparando a rompere gli equilibri globali delle materie prime. Ad oggi Pechino detiene il 93% delle scorte mondiali di rame, il 74% di quelle di alluminio, il 68% di quelle di mais e il 51% di quelle di frumento. Ma la partita decisiva è quella sulle valute. Il ruolo chiave dell’Arabia Saudita. [continua ]

Economia

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com