Quando il vento della Rivoluzione fischia sull’Africa nera

Nonostante i tentativi di censura, il messaggio di libertà della Primavera araba è (in qualche modo) arrivato anche a sud del Sahara

Quando il vento della Rivoluzione fischia sull’Africa nera

Dieci anni fa quell’aria che arrivava da Nord, dai Paesi della Primavera araba, e superava l’Equatore per soffiare la rivoluzione nell’Africa subsahariana, lo chiamarono harmattan, come il vento secco del deserto che con sabbia e polvere offusca il sole.

L’effetto domino dei moti di rivolta di Tunisia, Egitto, Libia, Algeria, si propagò ai Paesi subsahariani, dove le società civili, forti dell’esempio dei loro vicini, si mobilitarono. Ma, mentre nei Paesi arabi in poco meno di un anno le sommosse provocarono la caduta di quattro capi di Stato, sotto il Sahara quel vento del Nord soffiò forte solo in Burkina Faso: il presidente Blaise Compaoré, in carica da 27 anni, fu costretto alle dimissioni nel 2014.

Seguirono altre rivolte in tutta l’area sotto il Sahara, ma ci vollero anni per vederne gli effetti. L’accesso a Internet non era tanto diffuso come al Nord del continente. Il lento processo era tuttavia stato messo in moto. I cittadini di Senegal, Zimbabwe, Etiopia, Repubblica Democratica del Congo cominciarono a confrontarsi con i loro sovrani. Qualcosa da allora è cambiato. Ora, a dieci anni di distanza, sappiamo che la Rivoluzione Araba ha messo un seme anche a sud del Sahara e che la strada verso un’Africa che si autodetermina (non dall’alto) è ancora lunga.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Il Congo chiede all’Uganda 13 miliardi di dollari in risarcimento per la guerra

Se la richiesta della Repubblica democratica del Congo, lo Stato africano più ricco di risorse naturali ma con una popolazione poverissima, venisse accolta dalla Corte internazionale di giustizia la decisione avrebbe effetti devastanti per la già fragile economia ugandese. [continua ]

Strategie & Regole

Sterminio di massa, la Namibia respinge i 10 mln di euro offerti da Berlino come risarcimento

Il presidente della Namibia, Hage Geingob, ha formalmente respinto l’offerta di risarcimento della Germania per i massacri di massa delle tribù Herero e Nama. “L’attuale offerta di riparazione avanzata dal governo tedesco non è accettabile per l’esecutivo namibiano”, ha twittato Geingob al termine dell’ottavo round di colloqui con l’inviato speciale di Berlino, l’ambasciatore Zed Ngavirue. [continua ]

Strategie & Regole
Fmi, 46 paesi sub-sahariani hanno un potere di voto pari al 7,09%

46 paesi sub-sahariani hanno un potere di voto pari al 7,09% nel comitato esecutivo dell’Fmi

Global
Bruciate 20 mila dosi di AstraZeneca scadute

Bbc

In Malawi bruciate 20 mila dosi di AstraZeneca scadute

Life
La Sierra Leone ha venduto la sua foresta pluviale alla Cina per un porto

La Sierra Leone ha venduto la sua foresta pluviale alla Cina per un porto

Economia

quoted business

Il debito pubblico dei paesi africani vale appena il 2% di quello globale: 365 miliardi di dollari

Al vertice di Parigi sull’Africa, che è molto indietro sui vaccini e sulla crescita economica, si è discusso di un ‘New Deal’ per il continente attraverso la creazione di nuove linee di credito per sostenere i Paesi africani in tema di prestiti a condizioni preferenziali. Nei giorni scorsi Macron aveva annunciato la cancellazione del debito francese del Sudan di circa 5 miliardi di dollari nel tentativo di sostenere la leadership transitoria del paese. [continua ]

Finanza pubblica

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com