La Francia si ritira dal Sahel

Macron: “Non possiamo mettere in sicurezza zone che ricadono nel caos e nell’assenza di legge perché gli Stati decidono di non assumersi le loro responsabilità”

La Francia si ritira dal Sahel

La Francia è stufa di fare da sola il gendarme nel Sahel e annuncia una “profonda trasformazione” della sua presenza militare nella zona. Dopo 8 anni nella regione africana e 55 vittime francesi, Emmanuel Macron ha annunciato la fine dell’operazione Barkhane come “operazione esterna” della Francia, con il ritiro graduale dei suoi soldati e la chiusura di diverse basi militari, in particolare in Mali.

La lotta contro il terrorismo jihadista continuerà, ma nel quadro di un’alleanza internazionale, a cui partecipa anche l'Italia, e che vede "associati gli Stati della regione", ha avvertito il presidente, senza però fornire date, né dettagli sulla riduzione dei 5.100 soldati francesi attualmente presenti sul terreno.

Così, a otto anni dalla prima missione Serval, con cui François Hollande rispose a una richiesta di aiuto di Bamako, la constatazione di Macron è amarissima: “Non possiamo mettere in sicurezza zone che ricadono nel caos e nell’assenza di legge perché gli Stati decidono di non assumersi le loro responsabilità. È impossibile, se non un lavoro senza fine”, è la frecciata lanciata dal capo dell’Eliseo ai dirigenti maliani dopo i due recenti colpi di Stato, che a Macron non sono evidentemente piaciuti.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Quando il vento della Rivoluzione fischia sull’Africa nera
quoted business

Quando il vento della Rivoluzione fischia sull’Africa nera

Strategie & Regole

Mattarella: “In Africa e Ue vivono oltre 1,5 mld di persone con un Pil pari a 15.000 mld di euro”

Il presidente della Repubblica: “Il continente africano rappresenta il partner naturale per l’Ue. Non comprenderlo adesso ci porterebbe a constatare, fra qualche anno, di essere stati relegati alla periferia del pianeta. Un modello di crescita endogeno e integrato rappresenta la migliore risposta ai fenomeni migratori. E nonostante l’intero continente sia responsabile di appena il 3% delle emissioni globali, si trova ad essere vittima di una percentuale ben più consistente”. [continua ]

Economia
L’India punta al continente: progetti militari alle Mauritius

L’India punta all’Africa: progetti militari alle Mauritius

Strategie & Regole
In 20 anni ceduti a società straniere 35 milioni di ettari di terra

Chi si è mangiato l'Africa: in 20 anni ceduti a società straniere 35 milioni di ettari di terra

Economia

L’Italia si guarda l’ombelico e dimentica l’Africa

Nel rapporto ‘L’Africa MEDIAta’ si evidenzia che nei notiziari del prime time solo 1,6% delle notizie è dedicato al continente e sulle prime pagine dei sei principali quotidiani vi è stato un calo del 55%. Eppure è un continente le cui sorti, demografiche, economiche, sociali e politiche, coinvolgono direttamente l’Europa. [continua ]

Strategie & Regole
Pechino ha bloccato il mega progetto ferroviario

Pechino ha bloccato il mega progetto ferroviario in Africa

Economia

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com