Theresa May ha deciso: l’accordo sulla Brexit si vota il 15 gennaio

Theresa May ha deciso: l’accordo sulla Brexit si vota il 15 gennaio

Alla fine il giorno più difficile per il Regno Unito è arrivato. La premier britannica si è finalmente decisa a fissare la data: secondo fonti governative riportate dalla Bbc il giorno prescelto è il 15 gennaio.

Giorni preziosi per tessere una rete che approvi il suo accordo. E i risultati cominciano a vedersi. Oltre 200 parlamentari hanno firmato una lettera indirizzata alla premier esortandola ad escludere un'uscita del Paese dall’Ue senza un accordo con Bruxelles. L'iniziativa è bipartisan e vede tra i promotori la deputata Tory Caroline Spelman e il collega del Labour Jack Dromey, secondo i quali una Brexit senza accordo porterà a gravi perdite di posti di lavoro.

Ma le forze contrarie a Theresa May resistono: l'ex ministro degli Esteri, Boris Johnson, ha affermato che l'opzione di una Brexit senza accordo è "la più vicina a ciò che la gente ha votato" nel referendum del 2016. Al momento l’unica cosa certa è che l'intesa non sarà rinegoziata con l’Ue e che il 29 marzo la Gran Bretagna lascerà l’Ue.

Intanto è giunta un’altra dichiarazione ad aumentare la tensione: “Il Governo irlandese potrebbe essere costretto a chiedere all'Ue centinaia di milioni di euro di aiuti economici, nel caso in cui la Gran Bretagna si ritirasse dal blocco senza un accordo”. La valutazione in caso di no-deal è del ministro irlandese dell'Agricoltura, Michael Creed. L'Irlanda, che fa molto affidamento su pesca e agricoltura, sarebbe particolarmente esposta ai rischi economici di uno scenario senza accordo.

Il nodo irlandese aumenta le incertezze attorno alle già deboli possibilità che l’intesa sia approvata dai parlamentari e ci ricorda che l’uscita del Regno Unito dall’Ue non è una questione soltanto economica. Il quotidiano britannico The Guardian ha riportato che circa 1.000 poliziotti inglesi e scozzesi si starebbero preparando ad andare in Irlanda del Nord in caso l’accordo faticosamente raggiunto dalla premier May sia bocciato dalla Camera dei Comuni.

Fonte

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com