California, incendi: per la prima volta diramato l’allarme rosso estremo

Previsti venti sino a 128 km/h. Il sindaco di Los Angeles ai cittadini: “Non tornate nelle vostre case”

California, incendi: per la prima volta diramato l’allarme rosso estremo

Per la prima volta un allarme rosso estremo è stato lanciato nel sud della California a causa degli incendi boschivi che da giorni minacciano varie zone dello Stato, causando l’evacuazione di centinaia di migliaia di persone, blackout, distruzioni di case ed altri edifici.

Le contee interessate sono quelle di Los Angeles, Ventura e San Bernardino. Si prevede che i venti raggiungano i 128 km orari rafforzando il fronte dei roghi nella parte settentrionale della California dove oltre 4.500 vigili del fuoco sono stati schierati per combattere le fiamme.

Il sindaco di Los Angeles Eric Garcetti ha dichiarato che gli oltre 7000 residenti evacuati per il Getty Fire, che è scoppiato lunedì scorso, non dovrebbero tornare fino a quando le condizioni non saranno sicure. “Basta una piccola scintilla per far divampare nuovi incendi”, ha spiegato il capo dei vigili del fuoco di Los Angeles Ralph Terrazas.

Intanto milioni di persone in California sono preparate a rimanere al buio per cinque giorni o più. La Pacific Gas&Electric Corp ha interrotto l’erogazione di energia elettrica a circa 1,5 milioni di persone in 29 contee nel nord dello stato, per tentare di evitare la propagazione di incendi accidentali. 

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com