Lufthansa, terzo giro di tagli: a perdere il posto saranno anche i dirigenti

La compagnia aerea tedesca, che perde 17 mln di euro al giorno, rivede al ribasso le stime di traffico, svaluta la flotta e annuncia tagli anche alle posizioni manageriali

Lufthansa, altri tagli: a perdere il posto saranno anche i dirigenti

Nuovo giro di vite nella compagnia aerea tedesca Lufthansa a seguito della crisi causata dal coronavirus. Lo ha reso noto la compagnia aerea.

Con il terzo pacchetto di ristrutturazione, la società ripianifica la flotta a medio termine. Almeno 150 aerei del gruppo tedesco degli originali 760 velivoli non voleranno più. 

Anche il numero dei posti di lavoro a tempo pieno tagliati supererà i 22 mila già annunciati. I tagli occupazionali operati da Lufthansa, che ha goduto di un prestito garantito dallo Stato di 9 miliardi, saliranno - secondo Handelsblatt - a 25-26 mila lavoratori.

Tra le misure decise dal vettore, c'è anche una svalutazione di 1,1 miliardi di euro della flotta da iscrivere a bilancio già nel terzo trimestre. 

Infine verrà implementato uno snellimento del 20% delle posizioni manageriali e verranno rivisti tutti gli spazi per uffici amministrativi nel mondo con un target di riduzione del 30% per quelli in Germania.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com