Nonostante la decisione Opec, il prezzo del petrolio non scende. Perché?

Nella riunione Opec, allargata a 11 paesi non membri, dello scorso 22 giugno si era deciso di aumentare la produzione per ridurre il valore al barile. Sullo sfondo le tensioni in Iran e Venezuela

Quando scenderà il prezzo del petrolio?

Nella riunione Opec, allargata a 11 paesi non membri, dello scorso 22 giugno si era deciso di aumentare la produzione di petrolio. A quel punto in molti hanno creduto che il prezzo sarebbe sceso. Ma così non è stato e ancora sfiora gli 80 dollari al barile.

Perchè?

Innanzitutto per i timori collegati all’instabilità di Iran e Venezuela. Gli acquisti europei di greggio iraniano sono scesi del 50%, ma la quota più rilevante è diretta da Teheran verso Cina e India. A ciò si aggiunga che il secondo e terzo consumatore globale di petrolio, nonché i due paesi più popolosi al mondo, sono acquirenti anche dell'oro nero venezuelano. Ciò rende più incerto lo scenario macroeconomico per Pechino e New Delhi. E nessun aiuto potrà venire dalla prima economia sudamericana, il Brasile, i cui dati sulla produzione di oro nero sono inferiori alle attese.

Quando scenderà il prezzo?

Considerando che l’economia globale, ad eccezione degli Usa, mostra una flessione, il petrolio a 80 dollari non potrà che accentuare il rallentamento del Pil. E il prezzo del greggio non calerà nel brevissimo periodo, quantomeno non prima dell’autunno.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

L’Opec+ aumenta la produzione. Ma è sufficiente a soddisfare la domanda globale per appena 86 secondi

L’organizzazione dei paesi produttori di petrolio ha raggiunto un’intesa su un aumento di 100.000 barili da settembre. Il viaggio di Biden in Arabia Saudita non ha avuto effetti. [continua ]

Energie & Risorse
quoted business

La Russia registra un avanzo commerciale record: oltre 70 miliardi di dollari. Mai così ampio dal 1994

L’Ue si prepara al peggio. La Commissione presenterà un piano il 20 luglio per ridurre di un terzo l’impatto di una potenziale interruzione del gas russo. Uno scenario che, qualora dovesse verificarsi a luglio, impedirebbe agli stoccaggi europei di riempirsi oltre il 71% da qui a novembre. [continua ]

Energie & Risorse
Gas, perché ha guadagnato il 100% in un mese mentre il petrolio è sceso
quoted business

Gas, perché ha guadagnato il 100% in un mese mentre il petrolio è sceso sotto i 100 dollari

Energie & Risorse

Il petrolio potrebbe salire fino a 380 dollari al barile

Il G7 si è detto favorevole alla fissazione di un limite superiore al prezzo del petrolio. Ma l’iniziativa sarà inutile, qualora la Russia decidesse di interrompere la fornitura di petrolio all’Ue. Mosca può permettersi di ridurre la produzione giornaliera di greggio fino a 5 milioni di barili senza danneggiare eccessivamente la sua economia. E in tale caso il prezzo dell’oro nero potrebbe arrivare a sfiorare i 400 dollari, mandando in recessione mezzo mondo. [continua ]

Energie & Risorse
quoted business

A giugno, per la prima volta nella storia, i paesi dell’Ue hanno importato più gas naturale liquefatto dagli Usa che dalla Russia

Gazprom: stop al gasdotto Nord Stream per 10 giorni [continua ]

Energie & Risorse

La Cina potrebbe fare con il resto del mondo quello che la Russia sta facendo contro l’Europa

Pechino detiene il 93% delle scorte mondiali di rame, il 74% di quelle di alluminio, il 68% di quelle di mais e il 51% di quelle di frumento. Eppure l’attività estrattiva in Cina è limitata. Come si spiega allora questo dominio? [continua ]

Energie & Risorse

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com