Ecco come la Germania reagisce alla crisi: più spesa per R&S

Ecco come la Germania reagisce alla crisi: più spesa per R&S

La prima economia europea è in rallentamento. Un anno fa il Pil 2019 era stato stimato a 2,1%. Poi rivisto all’1,8%, all’1%, e infine allo 0,5%. E il governo di Berlino per provare ad arrestare il calo sta valutando di aumentare la spesa in ricerca e sviluppo (R&S). Facendo riferimento a una proposta di legge, il ministro delle finanze Olaf Scholz ha parlato di incentivi del valore di 1,27 miliardi di euro l'anno a partire dal 2020. Le aziende che fanno ricerca di base o sviluppo industriale riceverebbero un bonus fino a 500 mila euro ogni anno.

Ha, invece, un'altra idea il ministro dell'Economia Peter Altmeier che ha parlato – riferendosi alle previsioni sulla crescita - di "campanello d'allarme" per la più grande economia dell'Ue. La Germania soffre in seguito al rallentamento dell'economia mondiale, alle dispute commerciali e all'incertezza della Brexit. Ecco perché, secondo Altmeier, sarebbe necessario ridurre le aliquote fiscali sulle società, ma il suo piano non ha incontrato l'approvazione dell'intera coalizione di governo.

Per il ministro delle finanze Scholz, che ha contestato l'idea, la via maestra è spingere sulla R&S. La proposta di legge dovrebbe essere approvata entro maggio ed entrare in vigore nel mese di gennaio 2020. E l'anno prossimo, l'esecutivo tedesco prevede una risalita del Pil all'1,5%. Non le performance a cui la Germania ci aveva abituati, ma sempre meglio della crescita anemica del 2019.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com