In bancarotta la compagnia aerea “Germania”

In bancarotta la compagnia aerea “Germania”

Non c’era "altra opzione" per "Germania". Sono le parole dell’ad, Karsten Balke, in merito al fallimento della compagnia aerea tedesca.

La società, che ha sede a Berlino e ha bloccato tutte le attività con decorrenza 5 febbraio, effettuava voli verso circa 60 destinazioni in Europa, Africa e Medio Oriente, trasportando oltre quattro milioni di passeggeri l'anno.

La situazione è peggiorata rapidamente in seguito alla concomitanza di tre fattori negativi per il vettore: aumento dei prezzi del cherosene, la svalutazione dell'euro rispetto al dollaro e costi di manutenzione più alti del previsto. La compagnia si è così ritrovata senza liquidità a breve termine.

La bancarotta di “Germania” arriva a poco più di un anno di distanza dal fallimento di un altro vettore tedesco: Air Berlin.

Fonte

Articoli correlati

Volkswagen, l'ex ceo Winterkorn accusato di frode per il dieselgate

Volkswagen, l'ex ceo Winterkorn accusato di frode per il dieselgate

Mobilità

Una Smart di troppo. Daimler pensa alla cessione

Entro la fine del 2019 Daimler-Mercedes potrebbe cedere il marchio Smart. L'anticipazione è stata diffusa nei giorni scorsi dalla nota testata tedesca Handelsblatt, secondo cui la decisione coinciderebbe con l'arrivo di Ola Källenius alla guida del colosso dell'automotive. Smart è, infatti, considerata ormai un ramo secco. Perennemente in perdita, nel 2018 ha visto l’utile precipitare (-29%). Nonostante le modeste performance di bilancio, Geely potrebbe essere interessata all’acquisto. [continua ]

Mobilità

VW, punta su elettrico e automazione. Ma 7 mila lavoratori non saranno rimpiazzati

Volkswagen cambia. Prima lo scandalo emissioni, dal quale il colosso tedesco non si è ancora ripreso, e ora le linee guida da qui al 2023. Se non si tratta di una rivoluzione poco ci manca. VW punta su elettrico e automazione. La prima ripercussione della transizione tecnologica riguarderà i lavoratori. L'automazione dei compiti di routine dovrebbe portare a una perdita compresa tra i 5mila e i 7mila posti di lavoro al 2023. [continua ]

Mobilità

Mercedes e Bmw, partnership da 1 mld per la nuova mobilità

Da sempre acerrimi rivali, Bmw e Daimler lavoreranno insieme a progetti per la mobilità urbana sostenibile. Le due case automobilistiche tedesche hanno deciso di investire un miliardo di euro in joint-venture incentrate, in particolare, su car sharing, ride hailing (il servizio che permette di prenotare un autista tramite app) e ricarica di auto elettriche. Saranno creati circa mille nuovi posti di lavoro. [continua ]

Mobilità
VW, 7 mila posti di lavoro sono a rischio

Volkswagen, 7 mila posti di lavoro a rischio

Mobilità
Dopo Vw e Audi, anche Porsche multata per il diesel-gate

Dopo Vw e Audi, anche Porsche multata per il diesel-gate. In arrivo nuove cause miliardarie

Mobilità

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com