Le transazioni commerciali e finanziarie si muovono in concomitanza con i carri e i cannoni

L’economista Emiliano Brancaccio: “Quella di Putin è una guerra imperialista di aggressione. Però, se usiamo la categoria dell’imperialismo, allora dobbiamo aggiungere che questa guerra imperialista è il correlato logico di un’altra forma di imperialismo, che è stato l’espansionismo Nato a Est”. Inoltre, “l’Ue si sta configurando come una sorta di ‘braccio economico’ della Nato. Questo non aiuta i concreti costruttori di pace.”

Le transazioni economiche si muovono in concomitanza con i cannoni

Ecco alcuni passaggi dell’intervista rilasciata dall’economista Emiliano Brancaccio a ‘The Game – Radio Popolare’.

“Per interpretare la guerra in Ucraina rievocherei - in chiave aggiornata - la categoria dell’imperialismo, di Lenin e Hobson. Ciò significa, tra le altre cose, che l’ampliamento dello spazio capitalistico avviene di concerto con l’ampliamento dello spazio militare: le transazioni commerciali e finanziarie si muovono in concomitanza con i carri e i cannoni, le due cose si tengono logicamente insieme. Questa è una delle amare verità storiche che la categoria dell’imperialismo aiuta a disvelare.”

“Quella di Putin è dunque una guerra imperialista di aggressione, che in ultima istanza serve gli interessi delle oligarchie militar-industriali che lui rappresenta. Una guerra nel cuore d'Europa di cui i russi si assumono le responsabilità, oggi e per il futuro. Però, se usiamo la categoria dell’imperialismo, allora dobbiamo onestamente aggiungere che questa guerra imperialista è il correlato logico di un’altra forma di imperialismo, che è stato l’espansionismo Nato a Est, con ben 10 paesi dell’ex patto di Varsavia annessi e un allargamento dello spazio militare di oltre 1500 chilometri nell’arco di un trentennio, diciamo pure da Berlino a Tallin. Insomma, se usiamo la categoria dell’imperialismo, allora non possiamo ingenuamente interpretare questa catastrofe come se il tempo storico fosse iniziato la settimana scorsa.”

“Aggiungo che l’Ue, per come si sta comportando in queste ore, per bocca almeno della presidente von der Leyen, sembra ben lontana dall’esigenza di riesaminare le implicazioni dello storico espansionismo occidentale a Est. A me sembra che l’Ue si stia configurando come una sorta di ‘braccio economico’ della Nato. Questo non aiuta i concreti costruttori di pace.”

“Credo sia necessario tenersi alla larga dalla partigianeria guerrafondaia di queste ore. Credo pure, però, che nemmeno un pacifismo astratto aiuti realmente la pace. Piuttosto, penso che sarebbe urgente affiancare ai movimenti militari dei movimenti diplomatici. All’ammasso di cannoni e truppe ai confini, che sta avvenendo in queste ore anche da parte della Nato, i paesi occidentali più esposti dovrebbero battere un colpo diplomatico, con una dichiarazione storica: la fine dell’espansionismo Nato (e Ue) a Est. Solo su queste basi si costruiscono i tavoli delle trattative e si aiutano concretamente i costruttori di pace. Prima che sia troppo tardi.”

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Draghi al Mit: “L’Ucraina deve vincere la guerra. O sarà la fine dell’Ue”

L’ex premier: “L’economia avrà un aspetto molto diverso da quello a cui siamo abituati. Le tensioni internazionali continueranno a pesare sul tasso di crescita e il processo di reshoring per riportare in patria produzioni strategiche e riallocare le forniture presso Paesi affidabili (friendshoring, ndr) potrebbe comportare un livello di inflazione più alto che in passato”. [continua ]

Global
Un breve schema in 5 punti per capire la guerra in Ucraina

Un breve schema in 5 punti per capire la guerra in Ucraina. E dove porta l’unica soluzione possibile

Global
Il ‘piano di pace’ della Cina. Zelensky: “Vorrei incontrare Xi”

Il ‘piano di pace’ della Cina. Zelensky: “Vorrei incontrare Xi Jinping”

Global

Quasi nessuno ha (ancora) il coraggio di ammettere che l’Ucraina ha perso la guerra, sebbene il Piano B sia pronto da tempo

Zelensky non può vincere. In realtà anche Putin non naviga in acque così tranquille. La profezia dell’ex Capo di stato maggiore Usa Mark Milley: “Questa guerra non la vincerà davvero nessuno dei due e finirà al tavolo di un negoziato”. Per Kiev ci sono state pesanti perdite territoriali, ma la Crimea era già stata persa nel 2014 e il Donbass è assediato da tempo da una guerra civile. [continua ]

Strategie & Regole
La guerra in Medio Oriente mette a rischio “l’atterraggio morbido”

La guerra in Medio Oriente mette a rischio “l’atterraggio morbido” per l’economia globale

Economia

Ue e Cina rischiano la guerra commerciale sulle auto elettriche. Ma è realistico pensare di rinunciare a Pechino?

In Cina l’auto elettrica più economica costa circa 5 mila dollari, in Italia non si scende sotto i 20 mila euro. [continua ]

Mobilità

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com