Hong Kong, Pechino reagisce: sanzioni (‘light’) contro gli Usa

Dopo il sostegno di Washington alla protesta di Hong Kong, Pechino non autorizzerà l’approdo di navi e l’atterraggio di aerei militari americani nell’ex colonia britannica. Nel mirino anche alcune Ong

Hong Kong, Pechino reagisce: sanzioni (‘light’) contro gli Usa

Dopo la legge a sostegno della protesta di Hong Kong approvata la scorsa settimana è arrivata la reazione di Pechino. La Cina smetterà di autorizzare, a tempo indeterminato, l’approdo di navi e l’atterraggio di aerei militari americani nell’ex colonia britannica.

Saranno, inoltre, sanzionate alcune organizzazioni non governative colpevoli, secondo la Cina, di incoraggiare i manifestanti a intraprendere “atti estremisti, violenti e criminali”. Tra queste: National Endowment for Democracy, International Republican Institute, Human Rights Watch e Freedom House.

Tuttavia, non si tratta di sanzioni pesanti. Pechino comunque avverte: “Sollecitiamo gli Stati Uniti a correggere gli errori e smetterla di interferire nei nostri affari interni - ha detto un portavoce del ministero degli Esteri -. Se necessario saranno intrapresi nuovi passi per sostenere la stabilità e la prosperità di Hong Kong e la sovranità cinese”.

Ad aver scatenato le ritorsioni della Cina è in particolare una legge a sostegno dei manifestanti firmate la scorsa settimana da Donald Trump. La principale, l’Hong Kong Human Rights and Democracy Act, prevede che lo status commerciale privilegiato concesso alla città sia legato a una revisione annuale dell’effettivo grado di autonomia garantitole dal governo centrale cinese.

Fonte

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com