Aumentano le ore lavorate dai tedeschi. Ma in media sono impiegati meno dei paesi Ocse

Germania: aumentano le ore lavorate

A dieci anni dalla crisi finanziaria globale, i lavoratori tedeschi hanno registrato un record di 61,1 miliardi di ore di lavoro nel 2018. Si tratta di un aumento dell'1,4% rispetto all'anno precedente, secondo un rapporto dell'Istituto di ricerca sull'occupazione (IAB).

Era dal 1991, quando arrivò a 60,3 miliardi di ore lavorate, che il numero non raggiungeva un valore così elevato. Anche il numero di occupati ha toccato un nuovo punto di massimo lo scorso anno (44,8 milioni). Così come il tempo medio di lavoro è aumentato, in parte a causa dell’aumento dei contratti full-time rispetto a quelli part-time.

Tuttavia, i dati OCSE evidenziano che i tedeschi hanno lavorato in media 1.356 ore nel 2018, mentre ad esempio i lavoratori messicani hanno accumulato 2.257 ore (dato 2017). A fronte di una media OCSE pari a 1.744 ore.

Articoli correlati

Germania: verso la recessione, ma la disoccupazione scende al 4,9%. Per ora

Nella prima economia europea, afflitta da una crescita economica anemica, la disoccupazione continua a scendere e a settembre ha fatto registrare il 4,9% (pari a 2,23 milioni di tedeschi). È il miglior settembre dalla riunificazione della Germania nel 1990. Ma non è tutto oro ciò che luccica. Il tasso di disoccupazione normalmente a settembre (di ogni anno) scende, poiché più persone vengono assunte dopo la stagione estiva. [continua ]

Jobs & Skills

Si riduce la disoccupazione ma scendono anche le ore lavorate

Nel secondo trimestre dell'anno, l'Istat traccia - nei confronti del primo periodo del 2019 - una riduzione degli inattivi, cioè coloro che non hanno lavoro né lo cercano, con il tasso dei senza lavoro che scende al 9,9% e un leggero aumento dell'occupazione (+0,6%). Significa 130 mila occupati in più: salgono i dipendenti, sia a termine che permanenti, e in misura minore anche gli indipendenti. [continua ]

Jobs & Skills
Disoccupazione, scende a livelli record: 5,2%. Mai così bassa dal 1991

Il tasso di disoccupazione scende a livelli record in Germania: 5,2%. Mai così bassa dal 1991

Jobs & Skills
Smontato un falso mito, il salario minimo non riduce l’occupazione

Smontato un falso mito, il salario minimo non riduce l’occupazione

Jobs & Skills
Lavoro, l’Italia migliora. Ma è terzultima tra i 35 Paesi Ocse

Lavoro, l’Italia migliora. Ma è terzultima tra i 35 Paesi Ocse

Jobs & Skills
Istruzione, l’Italia spende il 3,6% del Pil. Ma la media Ocse è del 5%

Istruzione, l’Italia spende il 3,6% del Pil. Ma la media Ocse è pari al 5%

Jobs & Skills

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com