Usa, persi oltre 9 milioni di posti di lavoro nel 2020. Mai così male dal 1939

A dicembre gli occupati tornano a scendere per la prima volta da maggio

Persi oltre 9 mln di posti di lavoro nel 2020. Mai così male dal 1939

Il mercato del lavoro Usa ha perso 9,37 milioni di posti di lavoro nel 2020. Non accadeva dal 1939. I numeri arrivano dal dipartimento del Lavoro statunitense e certificano il pesantissimo effetto della pandemia Covid sulla prima economia al mondo (ancora per un po’).

Soltanto nel mese di dicembre il calo dei posti di lavoro è stato di 140.000 unità, dato peggiore delle attese degli analisti, che scommettevano sulla creazione di 50.000 posti, mentre il tasso di disoccupazione è rimasto invariato al 6,7%.

Sono soprattutto gli effetti della seconda ondata, visto che si tratta del primo calo dell’occupazione negli Stati Uniti da quando il mercato del lavoro ha iniziato a riprendersi lo scorso maggio.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com