Jobs & Skills Risultati 541-555

Diminuiscono gli occupati in Gran Bretagna

L'apparenza inganna. L’ottimismo degli indicatori del mercato del lavoro nasconde dure prospettive

Jobs & Skills
Secondo quoted business
Cresce l’occupazione, ma è a termine

Cresce l’occupazione, anche se a termine. Disoccupazione stabile ma resta il gap con le medie europee

Jobs & Skills
Il Giappone avvia la “rivoluzione della produttività"

Il Giappone avvia la “rivoluzione della produttività”. Obiettivo: 2 per cento annuo entro il 2020

Jobs & Skills
Le pensioni vanno riformate ancora. Anche in Italia
quoted business

Le pensioni vanno riformate ancora. Anche in Italia, dove l'età effettiva di pensionamento è inferiore a 63 anni

Jobs & Skills
A 4 miliardi di persone è negato l’accesso al welfare state

A 4 miliardi di persone è negato l’accesso alla protezione sociale. Lo sostiene un Rapporto ILO

Jobs & Skills
Secondo quoted business
Riforma del "Code du travail": approvati gli emendamenti

Riforma del "Code du travail": approvati gli emendamenti. A gennaio la ratifica del Senato

Jobs & Skills
I Paesi europei sono i migliori nello sviluppo dei talenti

Le economie europee sono le migliori al mondo ad attrarre e sviluppare i talenti. Italia solo 36°

Jobs & Skills
Il Paese nipponico cerca lavoratori stranieri da assumere

Quando l’immigrazione vale oro. Il Paese nipponico non trova abbastanza lavoratori da assumere

Jobs & Skills
Secondo quoted business
Sogno una vita migliore, ma con un salario basso

Vengo dall'Europa dell'est e sogno una vita migliore, ma possibilmente con un salario basso

Jobs & Skills
Quark

Il Ministro del lavoro francese: "Vogliamo costruire una società basata sulle competenze"

Per il Ministro del lavoro, Muriel Pénicaud, le riforme dell'apprendistato e della formazione professionale pongono l’obiettivo, tra gli altri, di mettere fine all’esclusione dei talenti dal mercato del lavoro. Occorre, inoltre, considerare che il 50 per cento dei posti di lavoro sarà profondamente trasformato nei prossimi dieci anni e che la disoccupazione di massa, e soprattutto quella giovanile, ha purtroppo rotto l’ideale di poter crescere ed emanciparsi attraverso il lavoro.

Jobs & Skills
Scende la disoccupazione giovanile

Scende la disoccupazione giovanile. Ma la qualità dei nuovi posti è modesta

Jobs & Skills
Quark

In un ventennio la produttività italiana è cresciuta dello 0,3 per cento annuo. Media UE all'1,6

Nel periodo 1995-2016 la produttività del lavoro è aumentata in Italia ad un tasso medio annuo dello 0,3 per cento, derivante da una crescita media dello 0,6 del valore aggiunto e dello 0,3 delle ore lavorate. Nello stesso periodo la media UE è stata pari all’1,6 per cento. A livello nazionale la Germania e Regno Unito hanno segnato l’1,5, mentre la Francia l’1,4. La Spagna ha registrato un tasso di crescita inferiore (0,5), ma comunque più performante di quello italiano.

Jobs & Skills
Quark

Siemens annuncia 6.900 tagli. La metà in Germania dove chiudono due stabilimenti a Goerlitz e Lipsia

Arriva la conferma da Siemens, dopo l'annuncio dei giorni scorsi: 6.900 licenziamenti, tra i quali la metà in Germania, 1.100 in Europa e 1.800 negli USA. Il sindacato Ig Metall ha commentato duramente la decisione: "Un taglio di personale così consistente, alla luce dell'eccellente situazione economico-finanziaria del Gruppo, è inaccettabile". Ciò non significa che non ci siano problemi strutturali, ma "così facendo si ignorano e a pagare sono solo i lavoratori".

Jobs & Skills
Quark

Politiche di conciliazione, ripensare il lavoro senza tradurlo soltanto in flessibilità

Le politiche tese a favorire la conciliazione tra tempo di lavoro e tempo privato dovrebbero tenere conto anche delle varie fasi della vita delle persone interessate dai provvedimenti, come suggerisce uno studio di Eurofound. Inoltre, i sistemi di trasporto, gli asili nido e i servizi di assistenza per gli anziani dovrebbero essere accessibili a tutti. Ecco allora che ripensare il modo in cui organizzare il tempo di lavoro non significa declinarlo necessariamente in "tempi di lavoro flessibili".

Jobs & Skills
Quark

Da cosa è causata la riduzione del reddito da lavoro a favore del capitale a livello globale?

E' stata ufficialmente avanzata la candidatura alla causa scatenante della riduzione del reddito da lavoro a livello globale. Si tratta della diminuzione della produttività, che ha favorito la redistribuzione del reddito da lavoro a favore del capitale in tutto il mondo. Anche a livello nazionale, numerosi paesi hanno sperimentato nel corso degli ultimi anni sia il rallentamento della produttività, sia il decremento della quota complessiva di reddito da lavoro.

Jobs & Skills
www.quotedbusiness.com